Ah che spettacolo di Vermentino di Gallura Docg è il Vign’Angena Capichera

Ah che spettacolo di Vermentino di Gallura Docg è il Vign’Angena Capichera

La Gallura, nel nord della Sardegna, ecco è una zona particolarmente vocata alla viticoltura. E qui, in questo scenario geografico unico, affascinante, spettacolare e denso, la famiglia Ragnedda, negli anni Settanta ha fondato la leggendaria cantina Capichera, realtà vitivinicola meravigliosa che, di fatto, sì ha fatto la storia del Vermentino di qualità. Chapeau e … degustare per credere.

Ah … particolare non indifferente: Capichera ha avuto la squarciante, illuminante intuizione di capitalizzare al meglio e per prima, l’affinamento in barrique del Vermentino in purezza. RiChapeau.

“Vign’Angena”, vale a dire il vino, la bottiglia protagonista della rubrica Sussurbacco di questa settimana, fondamentalmente significa “vigna straniera”. E tale era poiché le vigne in oggetto non erano, una volta, di proprietà dei Ragnedda. Oggi invece, il Vermentino in purezza arriva da uve rigorosamente e naturalmente Capichera ed è un bianco (il colore? Giallo paglierino tenue con riflessi verdolini e limpido) appassionato, favoloso in grado, emozionando, beh di aprire scenari.

I profumi? Intense sensazioni floreali (fiori d’arancio, iris, ginestra, biancospino), mixate a note fruttate (pera, pesca) e minerali arrivano al naso e … letteralmente incantano. Il gusto in bocca? Pieno, fragrante, vivo, denso e vero, col suo finale fruttato e la sua persistenza, il Vign’Angena (nella fattispecie fermentato e affinato in acciaio) porta la Gallura nel bicchiere.

Straordinario Vermentino da bere quando la voglia di coccolarci emerge sopra tutto e tutti. E con piatti a base di pesce, crostacei e aragosta ovviamente compresi, questo scorcio enologico di magica Sardegna, vedrete incanterà senza stancare. RiRiChapeau!

stefano mauri

(Visited 23 times, 1 visits today)