Alex Corlazzoli, per il fattoquotidiano.it intervista Padre Alex Zanotelli che parla di Sardine e della chiesa silente

Alex Corlazzoli, per il fattoquotidiano.it intervista Padre Alex Zanotelli che parla di Sardine e della chiesa silente

Il missionario comboniano, già in corteo con i Fridays for Future, al fattoquotidiano.it dice: “Ciò che mi meraviglia è che la Chiesa non abbia fatto nulla. Una Chiesa che è così forte in Italia ha mantenuto un silenzio grave”

di Alex Corlazzoli | 17 DICEMBRE 2019

Se vuoi incontralo devi immergerti nel ventre della Sanità, dove dopo aver lasciato Korogocho, la baraccopoli più grande di Nairobi, ha scelto di vivere. Padre Alex Zanotelli, missionario comboniano, da qui segue e partecipa agli eventi di questo Paese e del mondo. Quando le Sardine sono scese in piazza a Napoli c’era anche lui così come c’era lo scorso 27 settembre alle manifestazioni del Fridays for Future.

Padre Alex ci troviamo di fronte ad un risveglio dei giovani?

“Sì per la prima volta li vedo scendere in piazza: erano vent’anni che non scendevano per le strade. È la prima volta che la generazione del web ha capito che non basta la Rete. Sono solito dire che più connessi di così non siamo mai stati ma allo stesso tempo più disconnessi di così non siamo mai stati. I giovani hanno cominciato a capire l’importanza di fare massa, di esserci insieme. Siamo di fronte ad un grosso passaggio: rompere con l’incantesimo del web è fondamentale. Non solo. Per la prima volta i giovani stanno prendendo seriamente la dimensione politica proprio nel momento in cui la politica va nel modo peggiore. Tutti questi movimenti dovrebbero convergere non verso i partiti ma verso movimenti popolari. Oggi la società la si cambia dal basso”

Il resto del pezzo QUI

(Visited 51 times, 5 visits today)