Amianto: i Cinque Stelle chiamano, Gramignoli risponde, ma nel 2016 Piloni…

Amianto: i Cinque Stelle chiamano, Gramignoli risponde, ma nel 2016 Piloni…

Quindi il consigliere regionale pentastellato Marco Degli Angeli e il consigliere comunale (sempre Cinque Stelle) Manuel Draghetti, nei giorni scorsi hanno invitato il comune di Crema diciamo a … fare il punto della situazione su quella brutta, antipatica, spinosa e pericolosa (per la salute) questione relativa … alle zone cittadine “impregnate” di amianto da bonificare (la Regione a tal proposito ha stabilito finanziamenti). E … a quanto pare ce ne sarebbe pure sulle aree pubbliche di amianto da eliminare previa bonifica. Questo quando nella primavera 2016, interpellato da noi di Sussurrandom, l’allora assessore di riferimento Matteo Piloni, beh aveva detto (leggete parte dell’intervista in seguito) che per quanto riguarda il pubblico, di amianto da debellare, non ce ne era più. Ohibò dato che tra stadio Voltini e altre zone (Mercato di via Macello) qualcosina non torna, ecco come la mettiamo? Intanto, tornado all’attualità l’assessore all’ambiente Matteo Gramignoli, persona sempre disponibile e sul pezzo, in merito alla richiesta “pentastellata” ha risposto che è in arrivo un inventario apposito. Ma per quanto riguada ciò che due anni fa Piloni aveva rilasciato come restiamo?  E come procede la bonifica dell’ex stabilimento delle “Macchinette” sul viale di Santa Maria della Croce? Ecco cosa ci rispose Matteo Piloni tempo fa:


Con l’assessore (pianificazione territoriale e turismo), nonché segretario provinciale del Partito Democratico Matteo Piloni, nei giorni scorsi abbiamo scambiato due parole su questioni tipicamente cremasche … tipo Musalla, elezioni amministrative all’orizzonte, amianto, Pierina, Tangenzialina, Velodromo e altro ancora.

Alcune zone di Crema, (ex Macchinette – Olivetti, ex Ferriera – Bulloneria) per così dire dismesse, sui tetti presentano ancora parecchio amianto. Avete iniziative in cantiere per bonificare tali zone?

Per quanto riguarda le aree pubbliche ecco residui d’amianto non ce ne sono più. E laddove se ne registrano ancora quantitativi residuali gli interventi di rimozione sono comunque in calendario. Sulle aree private i lavori di smaltimento vanno addebitati e demandati alle varie proprietà. Per quanto riguarda l’ex Ferriera la rimozione è in fase d’ultimazione.

Anche sui tetti del Bocciodromo c’è amianto farete qualcosa in tal senso?

In cantiere abbiamo iniziative atte alle bonifiche. Faccio tra l’altro presente che in questo caso c’è in corso una gara d’appalto per affidare la gestione dell’impianto bocciofilo.

Stefano Mauri

 

 

(Visited 74 times, 7 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *