Antonio Agazzi, Mastino dell’Opposizione (in consiglio comunale), così entra a gamba tesa sulla questione Lombardia autonoma, o …

Antonio Agazzi, Mastino dell’Opposizione (in consiglio comunale), così entra a gamba tesa sulla questione Lombardia autonoma, o …

Scrive Agazzi su Facebook: In Lombardia e Veneto siamo stati chiamati – attraverso un referendum – a votare per l’autonomia; l’affluenza alle urne è stata elevata e chi ha votato lo ha fatto, per la stragrande maggioranza, in senso favorevole appunto all’autonomia, ovviamente immaginando di rimanere sempre nella cornice delle regole costituzionali e senza sottrarsi ai doveri di solidarietà nazionale. Ebbene, a differenza di allora, al Governo del Paese vi sono la Lega – il partito dei Governatori di Lombardia e Veneto – e il M5S, non vi è più il PD di Renzi e Gentiloni. Sorgono spontanee, a questo punto, alcune domande: perché l’autonomia non arriva o tarda ad arrivare? Non è più una priorità? Problemi di coalizione? Ma non avevano sottoscritto un “contratto”? A chiamarci al voto sono stati, in ogni caso, Governatori espressione…della Lega e al Governo del Paese – come Vice-Premier e Ministro degli Interni – oggi vi è il Segretario federale…della Lega: a chi tocca, oggi più che mai, dare attuazione a quell’autonomia per cui siamo stati chiamati al voto, facendo in pieno la nostra parte? Secondo me…alla Lega…

(Visited 37 times, 4 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *