Baronio, le accuse di Bordo sul San Domenico sono da querela. Se ne è certo rinunci all’immunità parlamentare

Baronio, le accuse di Bordo sul San Domenico sono da querela. Se ne è certo rinunci all’immunità parlamentare

Le gravissime accuse e diffamazioni assolutamente prive di fondamento che l’On. Bordo ha rivolto al sottoscritto sono da querela, ma egli gode dell’immunità parlamentare e può permettersi queste offese senza rischiare nulla.

Pertanto gli chiedo di dimostrare non a me, che so bene come sono e quel che ho fatto, ma a coloro che hanno letto le sue dichiarazioni false:

  •  quando, come e dove io avrei chiesto la delega al Folcioni;
  • da dove viene l’informazione secondo la quale “da un anno a questa parte non si è più presentato alle riunioni del Consiglio”. Per ragioni di lavoro sono mancato a 2 riunioni su 11 ed in entrambi i casi ho chiesto di spostare la data, richiesta sempre respinta dal presidente;
  • dove sono e quali sono i “contratti onerosi” che avrei proposto per il gruppo in cui opero o per qualsiasi altro e quando, come e dove sarebbero stati bloccati “dalla fermezza degli altri componenti del CdA”.

Se è certo di quanto afferma e ne ha le prove faccia quel che deve, rinunci all’immunità parlamentare e ci si confronta in sede di giudizio. Se non le ha ritratti le gravissime accuse diffamatorie che ha pubblicato: il sottoscritto, non avendo scheletri nell’armadio, né obiettivi personali o interessi particolari da difendere, ha la coscienza a posto ed è certo di aver fatto il proprio dovere fino in fondo.

Domenico Baronio

(Visited 70 times, 10 visits today)