Bilancio, non si può tacere l’imbarazzo davanti al silenzio dell’assessore

Bilancio, non si può tacere l’imbarazzo davanti al silenzio dell’assessore

Se qualcuno dei cittadini avesse presenziato alla Commissione Bilancio di venerdì 1 aprile, prevista per l’illustrazione del bilancio, non avrebbe creduto ai suoi occhi. A meno di trovarsi in una rappresentazione del famoso “pesce d’aprile” da parte dell’amministrazione. Siamo costretti a tempistiche strette sull’illustrazione di bilancio, tra ritardate convocazioni di commissioni e indisponibilità di dati. Ma ancor peggio, nell’ultima seduta, con a tema bilancio e Piano delle opere, alle diverse domande emerse dai consiglieri di minoranza risponde il silenzio dell’assessore al bilancio. Non solo, ancora una volta non arrivano alcune risposte ai quesiti posti giorni e giorni fa nella precedente commissione.

Succede che a domande su domande l’assessore al bilancio non risponde: o non ha le risposte o non vuole rispondere. Non sappiamo quale delle due ipotesi sia la peggiore. Mette addirittura i tecnici in condizione di provar a dare loro le risposte, che invece dipendono da scelte amministrative, tale è l’ imbarazzo percepito.

Vogliamo fare degli esempi? Perché per il sottopasso del famoso progetto Crema 2020, inserito nel Piano delle opere per il 2017, è stata incaricata la partecipata Cremasca Servizi , per le sue “competenze tecniche e giuridiche” recita la delibera, (NB : la società non ha personale dipendente) per realizzare il progetto anche conferendo incarichi esterni di progettazione, con relativi costi? Questo pur in presenza di struttura idonea in comune, per realizzare almeno il progetto di prefattibilità senza costi aggiuntivi, rimandando il progetto esecutivo alla gara.

Siamo sicuri che il progetto per la pista di atletica presentato al Bando regionale e inserito nel Piano delle opere, basato per quanto riguarda il comune su un’entrata non certa derivante dall’operazione LGH, sia assegnabile da parte della Regione a discapito di altri progetti con finanziamento certo? Data la scelta politica di ridurre l’IMU solo a favore di proprietari di sale spettacolo classificate D3 (per intenderci il Portanova o l’Auditorium Cavalli e una sala della musica ….), quale modifica è stata apportata alla convenzione tra Comune e Portanova a vantaggio del Comune, senza fare un regalia (si parla di minor entrata per 15000 €)? Elementi sufficienti per rendere evidente lo strano silenzio da parte dell’assessore bilancio.

commissari presenti alla Commissione Bilancio

 

Laura Zanibelli (NCD), Simone Beretta (FI), Tino Arpini (Solo cose buone per Crema), Christian Di Feo (M5S)

(Visited 148 times, 18 visits today)