Casale Cremasco, arrivano il varco elettronico e la videosorveglianza… intanto al cimitero

Casale Cremasco, arrivano il varco elettronico e la videosorveglianza… intanto al cimitero

Un varco elettronico e tre telecamere di videosorveglianza implementeranno il controllo del territorio comunale a Casale Cremasco, secondo il programma annunciato nei mesi scorsi. Il varco elettronico sarà posizionato a Vidolasco all’altezza della rotatoria di via Umberto I, inaugurata a novembre dello scorso anno. Questo intervento permette di completare il progetto che prevedeva varchi elettronici per tutti gli ingressi  nel territorio comunale con relativa lettura targhe.

Le altre tre telecamere monitoreranno la ciclabile da Casale a Vidolasco e quella da Casale a Sergnano.  L’intervento è stato deciso dopo numerosi fenomeni di vandalismo che si sono verificati  nei mesi scorsi e che sono costati al comune parecchie migliaia di euro. Per la ciclabile verso Vidolasco saranno montate due telecamere in corrispondenza dell’attraversamento pedonale del Centro sportivo, una rivolta verso Casale e una verso Vidolasco.

Per la ciclabile verso Sergnano  verrà posizionata una telecamera in corrispondenza della ponte sulla Roggia Babbiona orientata in direzione Sergnano.

Oltre che per gli atti vandalici l’intervento previsto permetterà di controllare anche eventuali maleducati che gettano rifiuti e quelli che percorono la ciclabile a cavallo, nonostante il divieto,  e spesso lasciano le tracce del proprio passaggio senza pulire.

L’intervento inizierà nelle prossime settimane e costerà al comune 7.800 euro.

Soddisfatto il sindaco Antonio Grassi che commenta: «Con questo intervento viene realizzato  un altro importante tassello del nostro programma sulla sicurezza che vorremmo completare entro quest’anno. E frutto di un lavoro di squadra e della collaborazione molto stretta  dell’amministrazione con il tecnico e il segretario comunali che si sono impegnati per rendere più veloci le pratiche burocratiche e la progettazione».

Sono terminati i lavori di manutenzione e sistemazione del cimitero di Casale. Durati circa tre mesi, hanno interessato l’interno del struttura, la facciata della chiesetta e il campanile della stessa.

Si è trattato di un intervento importante che ha permesso di valorizzare uno dei luoghi più emotivamente partecipati dai cittadini e uno trai i più caratteristici (per struttura architettonica) non solo Cremasco, ma anche dei territori limitrofi. Durante l’intervento sono stati effettuati anche due scivoli  per eliminare le barriere architettoniche.

Il termine dei lavori è stato ufficializzato il pomeriggio del 26 dicembre (festa del patrono) con un cerimonia molto semplice, ma significativa, celebrata dal parroco don Piero Lunghi nello spazio antistante la chiesetta.

Prima di iniziare la cerimonia un brevissimo intervento del sindaco Antonio Grassi ha sottolineato che dalla  cura del cimitero  si misura l’amore di un’amministrazione verso il proprio comune.

«Il cimitero – ha detto Grassi- è il luogo della memoria.  E’ il luogo che racchiude la  storia del comune. Qui ci sono le nostre radici. Per questo il cimitero merita il massimo rispetto e la massima attenzione. Se chi governa non ha questo rispetto e questa attenzione, allora significa che ha dimenticato la propria storia e le proprie radici. Se così fosse non sarebbe un buon amministratore. E noi questo non lo abbiamo voluto e non lo vogliamo. Noi non dimentichiamo il nostro passato, la nostra storia,  le nostre radici».

 

(Visited 141 times, 4 visits today)