Comizi d’amore è il primo live acustico di Vincenzo Incenzo

Comizi d’amore è il primo live acustico di Vincenzo Incenzo

Venerdì 21 aprile esce in fisico e in digitale “COMIZI D’AMORE”, il primo album live in acustico del cantautore, scrittore, regista e autore per i più grandi artisti italiani VINCENZO INCENZO.

Comizi d’amore” celebra la grande produzione dell’artista, toccando sia il percorso autoriale (che lo ha visto firmare canzoni per Renato Zero, Lucio Dalla, Antonello Venditti, Sergio Endrigo, Michele Zarrillo, Franco Califano, Patty Pravo, Ornella Vanoni, PFM, Tosca e tanti altri) che quello cantautorale. Allo stesso tempo, il disco è il diario sonoro degli ultimi concerti che Vincenzo Incenzo ha tenuto in Italia, sia da solo con pianoforte e voce che con Jurij Ricotti (chitarre), Gianfranco Mauto (tastiere), Minji Kim (soprano) e con gli interventi agli archi di Enrico Renzi e Gennaro Della Monica.

L’album contiene la title track “Comizi d’amore”, l’inedito-manifesto pensato per pianoforte ed archi, una dedica appassionata e struggente d’amore e di impegno civile.

Il titolo dell’inedito e del disco si rifà all’omonimo documentario di Pier Paolo Pasolini (a cui nell’album è dedicato il brano “Pierpaolo”, scritto da Vincenzo Incenzo per Franco Califano).

VINCENZO INCENZO ha iniziato il suo percorso artistico come autore per Renato Zero, Lucio Dalla, Antonello Venditti, Sergio Endrigo, PFM, Michele Zarrillo, Franco Califano, Ornella Vanoni, Patty Pravo, Al Bano, Tosca, Massimo Di Cataldo, Paolo Vallesi e molti altri. È presente come autore in 11 edizioni del Festival di Sanremo: tra i brani si ricordano “Cinque Giorni” (Michele Zarrillo), “Che sarà di me” (Massimo Di Cataldo), “L’elefante e la farfalla” (Michele Zarrillo), “L’acrobata” (Michele Zarrillo), “Il passo silenzioso della neve” (Valentina Giovagnini), “Un altro amore no” (Lorella Cuccarini), “L’alfabeto degli amanti” (Michele Zarrillo) e “Nel perdono” (Al Bano). Vanta inoltre una collaborazione con Papa Francesco per il brano “La Madre”, cantato da Mijares.  Per il teatro ha scritto “Romeo e Giulietta, Ama e cambia il mondo” di Gerard Presgurvic e “Dracula Opera Rock” su musiche della PFM, entrambi prodotti da David Zard. Ha scritto e diretto i musical “Diana & Lady D”, “Rosso Napoletano” e “La sciantosa”, con Renato Zero ha scritto e diretto “Zerovskij, Solo Per Amore” e con Ron “Lucio!” e “Ron 50, Non abbiam bisogno di parole”. Ha curato la versione italiana delle canzoni di “Menopause The Musical” di Jean Linders, “Squali” di A.L. Recchi, “Tango Delle Ore Piccole” di Puig, “Il Principe Abusivo” di Alessandro Siani e “Vacanze Romane”, riconosciuta dalla Carl Porter Society come la versione italiana ufficiale nel mondo. Ha collaborato a “Lennon & John” di Lucariello/Speranza, ed ha scritto le musiche di “Cassandra e il Re” e “Tieste”, di G. Arghirò. Ha firmato la regia e le musiche di “Ingresso Indipendente” di Maurizio De Giovanni e “Santo Piacere” di Giovanni Scifoni. Ha scritto le musiche di “Shake Full”, di Manuela Tempesta. È prossimo ad andare in scena anche in Italia il musical evento “Bernadette de Lourdes”, di cui ha curato la versione italiana. Ha pubblicato i libri “La Partitura Infernale” (Fonopoli), “Il sorriso d’avorio d’una ragazza d’ebano” (LietoColle), “Cinema Mundi” (LietoColle), “La Canzone in cui viviamo” (No Reply), “Valentina Giovagnini” (Zona), “#Romeo E Giulietta Nel Duemilaniente” (No Reply), “Zero” (Tattica), “070, La Nostra Storia” (Tattica). È direttore artistico e autore della mostra “ZERO” (2014), dedicata a Renato Zero. Per la televisione ha scritto canzoni per la fiction Mediaset “Non smettere di sognare” ed è co-autore della edizione 2013 di “Capodanno di Canale 5” e di “Romeo & Giulietta, una storia mai raccontata” (Raidue). La sua canzone “Creatura Nuda” è entrata nella famosa serie internazionale “Beautiful”. Le sue canzoni appaiono nei film “Il Paradiso all’improvviso” di Leonardo Pieraccioni, “Dalla vita in poi” di Gianfrancesco Lazzotti, “Ho sposato mia madre” di Domenico Costanzo e “Luce oltre il Silenzio” di Giuseppe Racioppi. Del 2018 è uscito “Credo, il suo primo album da cantautore, prodotto da Renato Zero. Segue nel 2020 l’album romantico e politico (disponibile in italiano e in spagnolo) “Ego”, nato da una profonda riflessione dell’artista e che racconta tutta la sua rabbia, il suo spaesamento sociale e il suo bisogno d’amore. Le forti tematiche sociali della mistificazione dei media, del patto sociale infranto, del disorientamento dei giovani e degli ideali perduti vengono affrontati anche in “Zoo”, il terzo album in studio uscito nel 2022. Tutti e tre gli album di Vincenzo Incenzo sono usciti sia in lingua italiana sia in lingua spagnola, e sono stati promossi sia nel nostro Paese che in America Latina. Tra i numerosi riconoscimenti ha ricevuto tre volte il Premio Lunezia, il Premio SIAE autori, il Premio Nazionale Liolà, la Medaglia d’argento della Camera dei Deputati, il Premio Internazionale Antonio De Curtis, il Premio Internazionale di Poesia Alfonso Gatto, il Premio Internazionale Giffoni Film Festival, il Premio Roma Videoclip.

(Visited 6 times, 1 visits today)