Cultura estiva cremasca retta dalle gambe delle associazioni… dicono che sarà un estate frizzante (è ironico)

Cultura estiva cremasca retta dalle gambe delle associazioni… dicono che sarà un estate frizzante (è ironico)

La faccia col sorriso furbetto di Dino Nolli sulle foto apparse nei pezzi che danno conto della conferenza stampa di presentazione di Summer Cream dicono molto. Si perché quest’anno la rassegna estiva del comune di Crema passa di mano. La curerà il circolo Il Paniere. Sei appuntamenti itineranti dal 20 luglio al 9 settembre.

Apre il poeta Guido Catalano al Sant’Agostino il 20 luglio, il cantautore Folco Orselli sempre al nella piazzetta del Sant’Agostino il 24 luglio, teatro all’Arci di Santa Maria il 4 agosto con L’anno in cui il mondo finì, la cantautrice Chiara Dello Iacovo al Bar ParKo il 5 agosto, teatro con nella pancia della torre al parco Chiappa il 25 agosto e ancora teatro con 80 giorni il 9 settembre a Santo Stefano.

Già ma a CremArena (tra parentesi vorrei sottolineare come nessuno, ripeto nessuno, chiamo il luogo col nome a cui è stato intitolato, che non ricorderò neppure io). Dopo un circolo per Summer Cream ci si appoggia del tutto alle associazioni per la rassegna estiva. Grandi appuntamenti di spessore extra cremasco non ce ne sono. Roba locale.

Concerti di band giovanili locali il 23 luglio, il buon Gianluca Gennari il 27 luglio, l’ennesimo omaggio a De André (giusto per ricordare a chi è intitolata l’arena) il 6 agosto, una roba con Fare Legami dedicata a Neil Young il 2 settembre. Ah c’è anche la rassegna cinematografica sui diritti o qualcosa del genere, d’estate al caldo preferivo Lino Banfi. Ma degustibus.

Bruno Mattei

 

(Visited 37 times, 6 visits today)