Di Corsa (A Desirée uccisa tra bruttezze, sofferenza e schifosa indifferenza)

Di Corsa (A Desirée uccisa tra bruttezze, sofferenza e schifosa indifferenza)

Una vita al massimo,

Sempre di corsa

Per bruciare i giorni

E così dimenticare

Un passato orrendo,

Un presente da scordare

Al più presto:

Di corsa

Tra sogni mai detti,

Sbagli ripetuti

Carezze malfatte

E quella voglia di amare,

Di essere amata

O sentirsi desiderata,

Finalmente, essenzialmente per amore;

Sempre di corsa

Fino a quella sera,

Notte maledetta

Quando il dolore

Atroce, umiliante, lancinante

Inenarrabile, brutale

Ti ha portato

Angelo violentato

La pace, la bellezza

Tu che hai dato la vita

Cercando il tuo qualcosa,

Trovato, arrivato

Passando per la sofferenza

La tua Croce,

La tua sofferta, paradossale salvezza

Stefano Mauri

(Visited 70 times, 15 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *