Donato Da Orzi: Donida? Un grande ha già rottamato Beretta e il suo mentore Agazzi

Donato Da Orzi: Donida? Un grande ha già rottamato Beretta e il suo mentore Agazzi

Inizia oggi una nuova, saltuaria (che l’autore è un lazzarone e non sempre ha voglia di scrivere) collaborazione firmata da Donato Da Orzi, opinionista, tuttologo, Influencer (nel senso che ha l’influenza cronica), playboy da balera e grande nemico di Stefano Mauri. Anzi ad onor del vero è Mauri che lo odia dato che Donato tromba assai più di lui. Fan politico del leggendario Carlo Fatuzzo (per Donato meritava di diventare Presidente del Consiglio), Donato da Orzi vive tra le cantine della Franciacorta e quelle del Lago di Garda. E ogni tanto interverrà su Sussurrandom.

 —

Non capisco innanzitutto come mai Gianmario Donida, simpatico, bravo, umile, generoso e lungimirante politico del fare non si sia candidato a sindaco. Comunque poco male: qualora vincesse Zucchi (e vincerà), Simone Beretta sarà (Campari o Schiavini permettendo) assessore ai lavori pubblici e vicesindaco, Papa Agazio (come lo chiamate voi) Agazzi continuerà a bere l’amaro calice dal maximo scranno del capo consiglio comunale e … Donida indosserà i panni dell’assessore alla cultura. Scommettiamo?

Ciò detto la Gelmini (se ha risposto anche a quel pirla di Stefano Mauri deve rispondere a tutti cribbio) sbaglia a non accettare la chiamata del buon Gianmario, rottamatore Forzista che, a differenza di Fonzie Renzi, porterà a termine la sua mission. Volete un esempio? Pare che giovedì sera ci sia stato un summit del centrodestra cremasco (sta tornando Silvio … tremate) unito e si sono notate le pesanti assenze di Beretta e Agazzi (colui il quale aiutò Donida a diventare coordinatore cittadino di Forza Italia). Che siano già rottamati?

Guai quindi a sottovalutare Donida, fuori sarà Mauri (che cita Briatore perché il Flavio tromba tanta roba e la Gregoracci) così come non va preso sottogamba Chicco Zucchi sindaco in pectore il quale a maggio, accenderà la città attraverso una notte bianca elettorale da mille e una notte a sostegno della sua candidatura. Giù le mani da Donida, in lui vedo il lampo appassionato che intravidi tempo fa, in una notte strampalata qualsiasi di una Orzinuovi (terra di gnocca facile e calda un tempo) che non c’è più, nello sguardo sveglio di Carlo Fatuzzo, mio politico di riferimento. E Gianmario Donida, altro che quel Ciavarro Bergamasco che sostenete voi ruffiani, marchettari e furbastri sussurratori da balera, vedrete farà strada (che se lo merita) e si rivelerà un assessore rivoluzionario.

Donato Da Orzi

 

(Visited 59 times, 5 visits today)