Donidoga e Berettuno, ecco tutti gli alterego a fumetti di Forza Italia

Donidoga e Berettuno, ecco tutti gli alterego a fumetti di Forza Italia

L’idea dell’Architetto Enzo Bettinelli di calarsi nei panni di Cattivik, lo storico personaggio di Silver, ha fatto ingelorise tutti gli altri membri di Forza Italia che oramai non aspettano altro che un pretesto per prendersi a sane randellate, ma con ironia. Ovviamente non tutti hanno delle conoscenze fumettistiche ben strutturate. Per questo abbiamo steso un agile guida per suggerire a tutti quale personaggio potrebbero interpretare se la Città Giocattolo diventasse improvvismanete un fumetto.

Una delle cose che racconta sempre Simone Beretta è quella di avere una serie di informazioni su tutti pronte ad essere utilizzate al momento giusto e una delle cose che gli si imputa è quella di esserci da sempre e di avere l’intenzione di essere sempre presente. Per questo gli suggeriamo di adottare come alterego il Numero 1, il capo dello scalcagnanto Gruppo TNT creato da Max Bunker negli anni ’60. Colui di cui non si sa il nome, di cui non si sa l’età, ma si sa che esiste da sempre e sempre esisterà nei secoli dei secoli e che sopratutto ha une temibile agendina che contiene informazioni su tutti ed è alla guida di un gruppo di agenti segreti disorganizzati e da operetta ma che incredibilmente riescono sempre a cavarsi di impiccio…. perfetto no?

Per il candidatro sindaco Enrico Zucchi, che sembrava stare sulle balle a tutti ma che alla fine ha visto tutti arrivare alla sua corte, e che adesso ha messo su un quartier generale da mille milioni di metri quadri abbiamo gioco facile, e l’avevamo gia profetizzato prima della sua discesa in campo col calendario 2107. Zio Paperone. Ricchissimo, detestato dai nipoti che tiranneggia in maniera metodica e dotato di un enorme deposito in perifieria a Paperopoli.

Ovvimente ci vogliono almeno anche i nipoti. A Gianmario Donida suggeriamo l’alterego di Paperoga, surreale, sempre calato nel suo mondo, non si accorge di quello che gli capita attorno ma pensa di essere un mezzo genio. Non stiamo parlando di Donida ma di Paperoga, sperando che non gli facciano fare la fine che fa nella canzone dei Vallanzaska.  Il buon Mauro Tenca potrebbe essere Paperino, sfortunato ma dotato, Gastone lo vedrei bene interpretato da Max Salini. Fortunato e ne esce sempre bene.

A lui si rivolgono tutti anche per risolvere i casi più assurdi. Le segnalazioni arrivano al calare delle luci della sera e si muove sempre seguito dai suoi fedeli assistenti. Antonio Agazzi potrebbe calarsi in Nick Carter, lo stralunato investigatore creato da Bonvi negli anni ’70. Sotto ad ogni nemico si nasconde il terriebile Stanislao Mulinski. Gia nel nome c’è tutto. Stefanao Bonaldik, arcinemico di Nick. Naturalmente gli aiutanti Patsy e Ten non possono che essere Paolo Patrini e Tino Arpini, e l’ultimo chiuda la porta.

Superfigo, elegante nel suo completo che è quasi una divisa, sempre in giro per il mondo e pieno di donne. Renato Ancorotti è un perfetto Dylan Dog, l’investigatore dell’incubo. E quali e quanti incubi ci sono in Forza Italia su cui indagare? Milioni. Ma Groucho Marx?

Emanuele Mandelli

(Visited 85 times, 13 visits today)