Ecco il banchetto cremasco del 1526 in onore di Malatesta Baglioni Perossino: e Crema divenne Rinascimentale

Ecco il banchetto cremasco del 1526 in onore di Malatesta Baglioni Perossino: e Crema divenne Rinascimentale

Ecco la rievocazione, tenutasi nell’ambito del “Festival Imondidicarta”, del banchetto cremasco del 1526 in onore di Malatesta Baglioni Perossino: e Crema divenne e si scoprì Rinascimentale. Dietro ai fuochi, i ristoranti “Tavolieri” delle “Tavole Cremasche” e … il popolo ha gradito. Special guest: Roberta Schira e Antonio Bozzo. Il menù particolarissimo? Eccolo:
Galantina d’anguilla (Made in Trattoria Via Vai), Sarde in Aceto (Made Il Ridottino), Torta d’Erbe (Quin), Lingua e testina in salsa verde (Trattoria Tre Rose), Polpette di vitello e mostarda di mele cotogne (Made in Bistek), Pasticcio di carne e fichi secchi (Hostaria San Carlo), Sformato di cervella con Grana Padano in salsa di barbabietole (Via Vai), Ravioli di carne di vitello (Quin), Trota in brodo con le sue uova (Il Ridottino), Tortelli quaresimali di mele cotogne e fagioli (Bistek), Lumache con piselli (Hostaria San Carlo), Fagiano in carpione (Trattoria Tre Rose). Chapeau!

Stefano Mauri

 

 

(Visited 93 times, 11 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *