Entusiasmo social per Chiamami col tuo nome. Ecco come è andata ieri sera (vista da Facebook)

Entusiasmo social per Chiamami col tuo nome. Ecco come è andata ieri sera (vista da Facebook)

Come è andata ieri sera col film di Guadagnino e le 1300 persone presenti al Multisala PortaNova? Bene, lo sappiamo già dai social network che da ieri pomeriggio hanno a Crema come trend topic il tema. In attesa di leggere le recensioni e i pezzi delle redazioni dei giornali locali anticipiamo con qualche spunto preso appunto da Facebook.

In tanti si sono buttati in una recensione del film. Il primo a farlo è Marco Viviani già nel pomeriggio, spiegando che: “ieri ho visto (nelle lingue originali della pellicola per godermelo appieno)”, poi si butta in una lunga disquisizione ben articolata sul valore (anche per Crema) del film.

Un altro che non è mai troppo asciutto come lunghezza dei commenti è il vicesindaco Michele Gennuso che pubblica una lunga recensione che inizia così: “Il film di Guadagnino è delicato e al tempo stesso coraggioso. L’azione è lenta ma preparatoria all’esplosione finale”. Anche questa vale la pena leggerla.

Quasi tutti i rappresentanti dell’amministrazione hanno postato dal multisala o prima. Alle 19.41 il sindaco Stefania Bonaldi postava una foto col regista e il cast dal suo ufficio: “qui non stiamo più nella pelle”, Matteo Piloni più tardi dalla multisala che andava riempendosi.

La nostra amica Nicoletta Bussi recensisce il film con un paio di righe entusiastiche: “come go trovato il film di Guadagnino? Estremamente sensuale, le scene volutamente lente per sottolinearlo ancora di più”. Nino Antonaccio posta delle meta foto, quella dei giornalisti locali che fanno la foto al cast gliela rubiamo per il pezzo. L’evento è andato in diretta streaming sulle pagine del comune di Crema e del centro Galmozzi.

Molti postano foto e selfie col cast, soprattutto col belloccio Armie Hammer, come Riccardo Mineri che scrive:  “un gnocco di fama internazionale. A destra invece Armie Hammer”. Per finire riportiamo il post del sindaco di Moscazzano Gianluca Savoldi che ricorda che una buona parte del film è stata girata nel suo paese:  “rientrare a casa stanotte e immaginare su quel muretto le ragazze e i ragazzi che si godono l’estate del’ 83, la vespa, il bar della piazza, Loredana Bertè in sottofondo. La mia Moscazzano è nel mondo e voglio condividere con voi questo sogno ad occhi aperti. Chiamami col tuo nome capolavoro”.

em

(Visited 301 times, 7 visits today)