Fabio Bergamaschi, assessore innovativo di Crema, capitale del Granducato del Tortello, ripensa il futuro post virus

Fabio Bergamaschi, assessore innovativo di Crema, capitale del Granducato del Tortello, ripensa il futuro post virus

Secondo alcuni recenti studi, la diffusione del virus ed il suo tasso di letalità dipendono anche dai livelli di inquinamento atmosferico. Non c’era bisogno di questa sciagura per un ripensamento del nostro modello di sviluppo, ma è un’occasione ulteriore per riflettere e cominciare ad immaginare qualche azione concreta per un cambio di rotta. Non per impostare la “decrescita felice”, ma un altro tipo di crescita. Una crescita felice.
 Mi viene in mente quello che considero il più grande capolavoro di equilibrismo lessicale (ed equilibrio sostanziale): “bisogna conservare tutto ciò che non è necessario distruggere”. Espressione più acuta, ma nel merito analoga, rispetto al “non buttare via il bambino con l’acqua sporca”.
 C’è il bambino e c’è l’acqua sporca. Anzi, stavolta è l’aria.

Così postava nei giorni scorsi, in questo tempo di emergenza sanitaria di lotta al Covid-19, Fabio Bergamaschi sulla sua pagina Facebook.

stefano mauri

(Visited 100 times, 8 visits today)