Fusione tra Reindustria e Cremaricerche… e no cara giunta, non si fa così

Fusione tra Reindustria e Cremaricerche… e no cara giunta, non si fa così

I rappresentanti del Centrodestra del Comune di Crema chiedono conto alla Giunta ed in particolare all’ Assessore Saltini , rappresentante in Reindustria per il Comune, a che titolo stian dando assenso alla fusione per incorporazione di Cremaricerche in Reindustria senza il coinvolgimento, dovuto e necessario, del Consiglio Comunale oltre che della Commissione di Garanzia con il dovuto anticipo.

Deve risultare evidente che un’operazione di questo genere non condivisa costruttivamente con le forze politiche della minoranza rischia di far arenare il progetto in itinere, presentato a cose fatte. Questa posizione verrà rappresentata anche ai consiglieri regionali delle forze politiche che rappresentiamo. E’ cosa buona prendere atto che le forze politiche che sottoscrivono questo documento calendarizzeranno incontri diretti con le associazioni economiche, se non coinvolte preventivamente e costruttivamente al tavolo con gli altri attori del processo.

Non si può puntare ad un’ ”Area Omogenea Cremasca” e procedere poi in solitudine su questi temi, pena, nella logica dell’alternanza, non vedere proseguire poi un progetto che diviene perdente.

Nello specifico ci sembra che la mission della costituenda nuova società sia troppo generalista e non abbia focalizzato l’obiettivo, ad esempio, sul rilancio dell’università e delle start-up e sia troppo poggiata ancora su risorse pubbliche o neppure garantite come ad esempio dall’Area Vasta o Camera di Commercio.

FI, NCD, Lega Nord, Solo cose buone per Crema, Servire il cittadino

(Visited 27 times, 7 visits today)