Guadagnino, anticipare l’eventone di lunedì e spoilerare tutti? Certo il film esce domani in tutta Italia (anche a Crema)

Guadagnino, anticipare l’eventone di lunedì e spoilerare tutti? Certo il film esce domani in tutta Italia (anche a Crema)

Eravamo stati un po’ critici quando a giugno del 2016 si erano fatte le riprese a Crema, ma neppure più di tanto. Avevamo detto che era meglio che Guadagnino si dedicasse all’altro progetto, Suspiria. Che boh non si sa che fine ha fatto, dopo che s’è n’cazzata Asia Argento non se ne è parlato più. Poi pian piano senza farci notare abbiamo cambiato sponda (non nel senso del film, quantomeno). Anche se un po’ ancora ci scherziamo, almeno su questo…

Ma adesso che Chiamami col tuo nome si è preso una fraccata di candidature, 4 agli Oscar (era dai tempi di la vita è bella di Benigni che un film Italiano non concorreva nella categoria miglior film) 3 ai Golden Globe (sfumate) il bafta e altre tremila che stanno sulle locandine, saltiamo sul carro del vincitore. Che figata Crema agli Oscarf, il turismo, che geni a concedere di girare il film, che previdenti chi l’ha voluto, bravi, porterà un sacco, ne parlano tutti, è bellissimo… Aggiungere altre frasi fatte a piacere.

Anzi magari anticipiamo tutti quelli che si sono messi in fila per vedere il film settimana prossima lunedì 29 gennaio. Data che era sempre stata data come premiere, perché il film doveva uscire l’8 febbraio. Ma in realtà il film esce domani in tutta Italia, Crema compresa. Ci sono un bel po’ di altre occasioni di vederlo prima della prima. La prima domani alle 19. Poi alle 21.40. Poi venerdì alle 17.30, 20.10, 22.50; sabato alle 14.50, 17.30, 20.10, 22.50; domenica alle 14.40, 17.20, 20.00, 22.40.

Quindi se volete anticipare l’eventone di lunedì avete tutto il fine settimana per fare i fighi sui social network e spoilerare violentemente quelli che andranno a vederlo lunedì sera. Per la cronaca le altre nomination sono per la canzone originale, nientemeno che di Sufjan  Steven, migliore sceneggiatura non originale (adattata da James Ivory) e Timothée Chalame migliore attore.

Due info varie. Il film è tratto da un libro uscito undici anni fa scritto da André Aciman, professore di letteratura comparata alla City University di New York e successo immediato. In Italia uscì per Guanda. Racconta la storia omosex tra il diciassettenne Elio e il neolaureato Oliver. E’ ambientato nel 1983 in un imprecisato Nord Italia e copre un arco di sei settimane.

Emanuele Mandelli

(Visited 266 times, 9 visits today)