I quesiti mai banali del dottor Attilio Galmozzi, medico… illuminante per certi versi

I quesiti mai banali del dottor Attilio Galmozzi, medico… illuminante per certi versi

Numeri, domande, quesiti importanti, per certi versi squarcianti, insieme a raccomandazioni preziose. Queste cose pensanti è tornato a scrivere, in questi primi giorni interlocutori, da Fase Due di convivenza col Covid-19, il dottor Attilio Galmozzi, medico specialista in emergenze, e non solo, in servizio presso l’ospedale Maggiore di Crema, città in provincia di Cremona, zona tra le più violentate dal Coronavirus.

Dati aggiornati a mercoledì 6 maggio: nella provincia di Lodi (laddove tutto ebbe inizio) i pazienti positivi superano di poco le 3000 unità. Nella provincia di Cremona siamo al oltre il doppio. Dove è nato il focolaio nazionale il numero di positivi, ad oggi, è tra i più bassi della Lombardia. A Cremona, e in particolare a Crema, zona limitrofa un numero di positivi non trascurabile proveniva dal lodigiano. Non è campanilismo per carità. È realtá è solidarietà ad una zona che per prima ha vissuto il dramma del Covid.

In Lombardia il numero di decessi è ancora ahimè in aumento. Solo oggi 222. Certo, in altre regioni il virus è arrivato più tardi e soprattutto queste regioni hanno “beneficiato” dell’esperienza della Lombardia per attrezzarsi e non poco.

Certo in Lombardia i numeri sono stati da subito elevati e impressionanti quindi che ci siano più decessi è terribilmente normale. Sarebbe corretto capire che tipologia di pazienti c’è nei 222 decessi di oggi. Pazienti che si sono malati nelle settimane scorse e non ce l’hanno fatta? Polipatologici?

A Piacenza c’è stato un focolaio importante e numericamente rilevante. Eppure il numero di decessi (certo in una singola provincia ma piuttosto estesa) non mi sembra così elevato come quello che abbiamo avuto in province dimensionalmente paragonabili in Lombardia.

Questione di maggiore coordinamento? Più disponibiltà di accesso alle cure? Più solidarietà e più integrazione del Servizio sanitario regionale?

Forse questo dato sarà chiaro nei prossimi giorni.

Voi nel frattempo state sempre, sempre, sempre attenti, perché quegli assembramenti che ciascuno di noi vede ogni giorno a me fanno tanta ma tanta paura…

Così postò sulla sua pagina Facebook il dottor Attilio Galmozzi.

(Visited 138 times, 10 visits today)