“Il caso Iori oggi a lui domani a te”: ecco il libro scritto da Flaminio Cozzaglio

“Il caso Iori oggi a lui domani a te”: ecco il libro scritto da Flaminio Cozzaglio

Flaminio Cozzaglio, blogger controcorrente e animatore del blog omonimo (flaminiocozzaglio.info) fin dalla sua origine processuale ha seguito in presa diretta, seduta dopo seduta, i vari dibattimenti cha hanno portato in definitiva alla condanna all’ergastolo, sentenza confermata dalla Corte di Cassazione, del dottor Maurizio Iori, colpevole secondo gli organi inquirenti di aver ucciso, nell’estate 2011 l’ex compagna Claudia Ornesi e la figliola Livia.

Ma Flaminio è di tutt’altro avviso così, nero su bianco, appunto per dire la sua e per ribadire come, secondo lui l’ex primario del reparto (e luminare in materia) di oculistica dell’ospedale di Crema sia innocente, d’un fiato e di buon pugno ha scritto il libro intitolato “Il caso Iori oggi a lui domani a te” (sottotitolo “Der Prozess, un’idea di Franz Kafka: quando il processo ha troppe letture deve uscire dalle aule dei tribunali!”), plico cartaceo che, in attesa di un’eventuale pubblicazione, ecco Flaminio potrebbe anche decidere di inviare, dopo richiesta ad hoc via mail o Facebook, a quanti fossero interessati a questa triste, drammatica brutta vicenda cremasca.

Con Cozzaglio abbiamo scambiato due chiacchiere volanti

Proverai o riuscirai prima o poi a far pubblicare il tuo saggio sul caso Iori?

Mah ho già presentato il mio lavoro a una quarantina di editori. Ma per il momento pare non interessi a nessuno.

L’hai mai incontrato Maurizio Iori in carcere?

No toglierei spazio e tempo ai suoi familiari.

Sei in contatto con lui?

Cerchiamo di scriverci e lo tengo aggiornato sui miei pezzi che lo riguardano. Glielo invio tutti.

Quando e perché ti sei convinto della sua innocenza?

Studiando e analizzando documento, per documento le carte e gli atti, ecco mi sono reso conto che Iori non può aver ucciso l’ex compagna e la figlioletta. Mancano, a mio parere, le prove in proposito.

“Il caso Iori oggi a lui domani a te”, strutturato in 19 capitoli è scritto in modo minimalista, semplice e diretto. Punto per punto, Flaminio Cozzaglio prova a smontare le tesi degli organi inquirenti e giudicanti. Ciò detto resta l’innegabile dato oggettivo che, dopo i vari gradi di giudizio, il dottor Maurizio Iori, sempre proclamatosi innocente, con conferma della Corte di Cassazione datata dicembre 2015 è stato condannato all’ergastolo. E sullo sfondo restano soprattutto i drammi incancellabili delle famiglie toccate, violentate dalla tragedia che sconvolse Crema sei estati fa: quella delle povere vittime (Claudia e Livia) e quelle legate all’oculista in carcere con l’accusa e la condanna di aver ucciso due persone.

Stefano Mauri

(Visited 364 times, 36 visits today)