Il segreto del Santa Lucia di Sandro, Francesco e Angela? “Tanta, tanta passione”

Il segreto del Santa Lucia di Sandro, Francesco e Angela? “Tanta, tanta passione”

Sostiene il fotografo appassionato Angelo Peia, tra le altre cose buongustaio e gourmet Radical Pop, che… beh quando vuole mangiare una pizza buona in Crema non ha dubbi: va alla pizzeria Santa Lucia e si ordina una bella “Lucana” (pare sia magica nel senso che incanta e non stanca). E, così per vedere l’effetto che fa, in quello che molti considerano un bel posticino dove si mangia assai bene, appunto nel locale di Sandro, Angela e Francesco, accompagnati dal fotografo Mike Antonaccio ci abbiamo fatto un giretto. Ne è uscita una sorta di intervista corale. Il primo a rispondere a qualche domanda? Il maratoneta rock, nonché milanista pop, Francesco De Donato.

Sai che in molti sostengono che le vostre pizze sono tra le più apprezzate del Granducato del Tortello?

Sì…  ecco mi fa piacere se in tanti le apprezzano.

Cosa pensi delle cosiddette pizze gourmet?

E’ semplicemente una pizza diversa dalla nostra, noi proponiamo la versione tradizionale del celebre piatto mediterraneo.

Sei figlio d’arte: hai sempre pensato che un giorno saresti diventato pizzaiolo?

Io e le mie sorelle Deborah e Alessandra siamo praticamente nati al Santa Lucia di via Bramante e fin da piccoli ci divertivamo ad aiutare i nostri genitori. Poi loro hanno intrapreso altre professione, io ho preferito restare ad aiutare i miei.

Quante pizze avete in menù?

Circa 70.

La tua preferita?

“Margherita La Doc” con pomodorini, Bufala e basilico.

C’è una pizza, nata dalla vostra fantasia, alla quale sei più legato?

La “Tutta Mia” bianca con pancetta, mozzarella, pecorino e miele.

Ma i cremaschi se ne intendono in materia di …pizze?

Sì e sanno apprezzare la qualità.

Ecco ora il turno del mitico, fantastico, genuino e schietto Sandro De Donato, immenso tifoso del Milan…

Quando decidi di aprire la pizzeria Santa Lucia?

Nell’ormai lontano1983…

Facevi già il pizzaiolo da altre parti e prendesti la decisione di metterti in proprio?

Assolutamente no facevo il muratore, decisi di aprire il ristorante – pizzeria che oggi vedete, dopo un recente restauro, ancora dove lo aprii tanti anni fa e, dato che conoscevo l’arte, il forno, che è sempre lo stesso, lo costruii direttamente con le mie mani. Sono quindi autodidatta in tutto e per tutto.

Complimenti…

Grazie sai penso che uno riesce nel proprio lavoro, qualsiasi esso sia, soltanto se ci mette cuore, passione e anima. Noi questi tre ingredienti ce li mettiamo sempre e comunque.

Ti ricordi qual è stata la prima pizza che hai sfornato?

A quei tempi le gettonate erano Margherita e Capricciosa. La varietà è arrivata dopo.

E … dulcis in fundo, la parola alla cuoca di casa, vale a dire la splendida Angela Antezza.

Signora se il Santa Lucia è pure un apprezzatissimo ed essenziale ristorante il merito è suo …

In effetti sto dietro ai fornelli e, pur essendo prevalentemente pizzaioli, pochi ma preparati a regola d’arte, partendo da materie genuine, piatti mediterranei nel menù li abbiamo.

Guarda in Tv i vari programmi consacrati al cibo?

Quando posso e ho tempo sì.

E … che ne pensa?

Imparare a cucinare richiede tempo, pazienza, competenza, passione, amore e tanto, tantissimo lavoro.

Sì la pizzeria Santa Lucia (e ristorante) di Crema è veramente un bel posto. E … non poteva essere altrimenti dato che dietro al forno e ai fornelli ci sono belle persone (Sandro e Angela, i figli nacquero poi a Crema) che, tra gli anni Settanta e Ottanta, dalla Basilicata migrarono tra le nebbie cremasche. E queste sono le belle storie che fanno grande la nostra Italia. Chapeau!

Stefano Mauri

(Visited 345 times, 9 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *