Il Tennico del Crema 1908, Giocare al futbòl con le tigri (the end?)

Il Tennico del Crema 1908, Giocare al futbòl con le tigri (the end?)

È in partenza dal binario numero uno il treno diretto (?) per Pechino. Ferma in tutte le stazioni.

Calvo, ma non dovevi andare a Bordighera?

I passeggeri in partenza per Juneau (Alaska) sono pregati di presentarsi all’imbarco numero due.

Ragionier Nemo, ma non dovevi andare in Nicaragua?

Il Miobus numero tre con destinazione Ombriano è disponibile alla fermata del Rondò. Il servizio si effettua anche nel periodo estivo, ma non prendeteci il vizio.

Benito, ma non dovevi andare alla Colonia Seriana?

L’addetto ai palloni dell’AC Crema 1908 è invitato a presentarsi con urgenza ai cancelli della Bosh di Offanengo.

Oèi magazziniere, ma non dovevi andare al Voltini?

Il gestore del Bar Sport è richiamato all’ordine dalla consorte.

Barista, ma non dovevi organizzare la super lotteria?

“Proprio è vero, gli uomini propongono ma poi è il destino che dispone”, disse la voce dal fondo: “Mi sembra una maionese impazzita.”

Sbagliava e non sbagliava, perché la maionese, come è risaputo, se non è fatta bene va dove cazzo gli pare nonostante i buoni propositi di partenza.

Un’altra voce dal fondo disse alla voce dal fondo di piantarla di rompere i coglioni, ché la maionese non si fa con la malinconia, perché la malinconia ha dentro troppa roba mentre per la maionese ci bastano le uova, l’olio, qualche altra cazzata e soprattutto una buona mano.

Questo era il clima, ma, come si sa, la memoria è dura a morire e nessuna bandiera venne ammainata.

E infatti il Bar Sport è diventato celebre in tutto il mondo per aver lanciato alcune tendenze di moda ancora oggi imprescindibili. Prendiamo il Vov alla pesca, per esempio: a New York non c’è party come si deve senza il celebre cocktail lanciato da Calvo Pèpàsh. Altro esempio lo si ritrova nella ót cutür: il nero snellisce e il Benito, infatti, si paludava sempre in sì tal guisa. E il Ragionier Nemo? Negletto profeta in patria, è tuttora oggetto di approfonditi studi nelle Facoltà di filosofia numerata sia a Oxford che a Cambridge, mentre i sistemi organizzativi del màgàsinêr sono stati presi in considerazione da società calcistiche internazionali, giusto come esempio da non applicare. Infine ricordiamo che i tanto decantati pub inglesi ancora adesso si chiedono come è possibile fare una frittata con lo zenzero e le pere Kaiser. Insomma, quella era gente con le palle dure, almeno fino a quando vi era una buona ragione per inventare puttanate.

Ma perché Pechino e non Bordighera?

Ma perché l’Alaska e non il Nicaragua?

Ma perché Ombriano e non la Colonia Seriana?

Ma perché la Bosh e non il Voltini?

Ma perché accettare il richiamo all’ordine?

Ma perché la solita voce dal fondo?

Perché tutti loro avevano deciso di raggiungere la meta prefissata facendo un giretto un poco più lungo, giusto per esplorare nuovi territori e giocare al futbòl con le tigri.

Altrimenti che gusto c’è?

Beppe Cerutti

 

 Ringraziamenti

A tutti i componenti (ma proprio tutti) dell’AC Crema 1908, che hanno sopportato i miei deliri senza battere ciglio e soprattutto senza ricorrere alle vie legali, almeno finora.

Ai giornalisti sportivi delle testate locali (cartacee e internet). A loro ho rubato parole e concetti che altrimenti mi sarebbero rimasti per sempre sconosciuti.

Alla mezza dozzina di lettori che hanno seguito con stoica perseveranza le vicende del campionato attraverso le tribolazioni degli Scorbutici. Ne conosco almeno due; gli altri no e forse è meglio così.

Al blog Sussurrandum, testimone puntuale delle cazzate che andavo scrivendo.

Alla mia mamma, che mi ha trasmesso l’incapacità assoluta di prendermi sul serio.

(Visited 103 times, 14 visits today)