Il trono di Crema, e in città arriva sir BraveCarl di Scozia… il trono della regina Stefania ha un nuovo pretendente

Il trono di Crema, e in città arriva sir BraveCarl di Scozia… il trono della regina Stefania ha un nuovo pretendente

La regina Stefania I dalla finestra della Torre Torrazza, la più alta del suo maniero, guardava giù in piazza. In città aveva appena fatto il suo ingresso un nuovo personaggio della nostra saga. Un altro che attentava al suo trono. Signori oggi vi presentiamo sir BraveCarl di Scozia, detto il Lumiere per la sua passione per il cinema arte nascente, che aveva preso il comando delle armate delle Cinque Lune, i terribili bucanieri di origine genovese che da qualche anno scorrazzavano in città. Mentre tutti gli altri pretendenti al trono tramavano in qualche modo tra loro i penta Lunari non accettavano compromessi alcuni.

Carl di Scozia era attorniato dalla sua banda multietcnica. Er Romano, Al Bergamasch e El Cremnues. Erano giorni convulsi. Quella sera l’arciduca Enrico del Commercio sarebbe apparso per la prima volta sulla pubblica piazza, a fianco degli uomini del Carroccio per parlare delle tasse che gravavano sul regno. Certo la serata a casa di padre Mauritius l’eretico, l’emblematico personaggio che aveva dominato la città anni prima e poi era scomparso, aveva fatto discutere in città. Ma sono cose che si scordano subito.

E a proposito di tasse… Ponzio Pilone era uscito dal suo eremo ed era sulle rive del fiume Coscienzioso che tagliava in due la città che ordinava agli uomini del Dosso di ripulire il fiume per poi imporre una nuova gabella ai cittadini per la bonifica dei corsi d’acqua. Che fosse quello il mistero su cui lavorava da settimane per rimpinguare le casse del comune? Forse ve lo racconteremo nella prossima puntata.

il menestrello Bruno Mattei della Città Giocattolo

l trona la saga

(Visited 109 times, 36 visits today)