Inzoli, 150 anni di organi festeggiati con il nuovo organo della chiesa di San Carlo a Milano e con Cameron Carpenter

Inzoli, 150 anni di organi festeggiati con il nuovo organo della chiesa di San Carlo a Milano e con Cameron Carpenter

Altra importante opera a cura della Fabbrica d’organi Inzoli Cav. Pacifico di Crema, realizzata proprio nel 150esimo della sua fondazione. Il nuovo organo a canne della Chiesa di San Carlo al Lazzaretto di Milano Realizzazione: Fabbrica d’Organi Inzoli Cav. Pacifico & figli di Bonizzi F.lli di Crema Progetto: Martino Lurani Cernuschi L’Inaugurazione è avvenuta il 17 maggio a cura del grande concertista CAMERON CARPENTER

Il concerto ha consentito anche di sostenere la ricerca scientifica della Fondazione Humanitas per la Ricerca, presieduta da Alberto Mantovani, devolvendole il ricavato dalla vendita dei biglietti.
L’idea di offrire al San Carlino, simbolo di uno dei periodi storici più famosi di Milano, uno strumento speciale che lo potesse valorizzare è nata dalla volontà e dall’intervento di Andreina Bassetti Rocca e della Fondazione Rocca, che hanno curato anche l’intero restauro della Chiesa.

“Cameron Carpenter, che si è formato presso la prestigiosa Juilliard di New York e presto si è imposto come virtuoso della tastiera, è da molti considerato il più grande organista vivente. A Milano si esibisce sull’organo con 1800 canne, restaurato dalla Fabbrica d’Organi Inzoli Cav. Pacifico di Bonizzi F.lli di Crema e progettato da Martino Lurani Cernuschi , con impostazione romantico-sinfonica con elementi barocchi legati alla tradizione dell’organo da teatro. L’organo che oggi può essere considerato il più innovativo e poliedrico strumento del genere nel panorama lombardo, riesce ad abbracciare fedelmente un repertorio che va da Bach alla musica da intrattenimento del 900. In occasione di questo evento Cameron Carpenter ha presentato un repertorio prevalentemente bachiano, suo cavallo di battaglia, con incursioni novecentesche a completamento della serata”.

(Visited 237 times, 45 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *