La Pergolettese con la Bustese per trovare una sua dimensione Rock…

La Pergolettese con la Bustese per trovare una sua dimensione Rock…

Diciamo la verità: sulla carta, sembrano al momento esserci formazioni (tipo solo per fare 3 nomi: Pro Patria, Crema e Rezzato) decisamente più attrezzate per tentare l’allungo diretto in Lega Pro. Ma la Pergolettese, comunque è lì e, appena troverà una sua dimensione, si spera prima possibile, ecco potrà (eventualmente) dire la sua. Ma non si può chiedere la luna o di vincere il campionato a tutti i costi a mister Pierpaolo Curti: del resto la rosa intrigante che l’anno scorso mise insieme la striscia record di vittorie consecutive, per vari motivi (per carità magari tutti condivisibili) di fatto non c’è più, ergo è necessario trovare l’amalgama giusto per decollare, far bene e … provare, con “Occhi da Tigre” ad arrivare lontano. Poiché così vuole lo spirito guerriero cannibale. Vero?

Come dice (tuttavia) un detto famoso, fatte le dovute specifiche, mai dire mai, l’importante è non illudere nessuno, cosa che giustamente nessun dirigente gialloblù ha fatto.

Testa bassa e correre: questo il motto del saggio basso profilo adottato dal presidentissimo Massimiliano Marinelli e del deus ex machina Cesare Fogliazza.

Domenica i Curti Boys faranno visita all’ambiziosa Bustese, compagine intrigante da affrontare con la guardia alta e il cuore acceso. Arrivassero i tre punti, all’ambiente (città, tifosi, avversarie) arriverebbe un chiaro segnale e … magari lo stadio Giuseppe Voltini si riempirebbe di maggior entusiasmo, che le curve malinconicamente vuote quando il Pergocrema (nome che suona meglio) ehm… la Pergolettese, mettono appunto malinconia.

Stefano Mauri

(Visited 55 times, 6 visits today)