Le ragazze dell’Offanengo, “murano” il virus con la pallavolo: che lo sport sa abbattere tutti i confini

Le ragazze dell’Offanengo, “murano” il virus con la pallavolo: che lo sport sa abbattere tutti i confini

Domenica scorsa, due amiche: Noemi e Alice, ecco in prima serata hanno preso l’automobile per raggiungere il ponte sul fiume Adda, presidiato dai militari, in quel di Montodine. Dall’altra, a distanza di sicurezza abbondante, le ha raggiunte la loro amica Cecilia, compagna di squadra (Abo Chromavis Offanengo), costretta a vivere in quarantena essendo di Codogno, cittadina ubicata nella cosiddetta zona rossa isolata da coronavirus. E il terzetto, col permesso dei militi, così per vedere l’effetto che fa e per amicizia si è concesso il lusso di fare qualche palleggio con la palla da volley. E la Gazzetta dello Sport, nel periodico inserto V come Volley, giustamente ha dato risalto al bel gesto di tre bellissime ragazze.

stefano mauri

(Visited 54 times, 6 visits today)