Manca solo l’ufficialità, Mimma Aiello è il candidato sindaco dei rifondaroli

Manca solo l’ufficialità, Mimma Aiello è il candidato sindaco dei rifondaroli

L’avevamo anticipato ieri nel punto del lunedì. Oggi ne dà conferma anche La Provincia. Il quarto candidato ai nastri di partenza per le elezioni amministrative dovrebbe essere (ma è un condizionale lieve, i giochi paiono fatti)  Mimma Aiello. Frizzante avvocatessa 46enne, con l’hobby dell’equitazione e della scherma, la foto profilo su Facebook la ritrae nella divisa da schermitrice, quella che vediamo alle Olimpiadi. Battagliera insomma, oltre che sempre sorridente e molto determinata, come ha mostrato nella sua prima esperienza politica nel comitato referendario per il No, quello di sinistra.

Figlia del Presidente dell’Ordine degli avvocati Ermete Aiello, apprezzata bipartisan in parecchi settori della vita sociale cremasca, pare una scelta ottima per il nuovo corso di Rifondazione Comunista. La Provincia dice che sarà alla guida di una generica lista di sinistra che ingloberà anche verdi e socialisti. A noi hanno detto che i rifondaroli si terranno stretti il loro simbolo, che il brand falce e martello gialli su fondo rosso i voti li porta.

Corsa solitaria, quindi, ma con appoggio alla Bonaldi nell’eventuale ballottaggio nella speranza quindi di essere ago della bilancia e di prendersi qualche poltrona da qualche parte. Una corsa non facile. Per i partiti non in coalizione lo sbarramento è il 7 per cento, percentuale mai raggiunta a memoria da Rifondazione. Il 5,69 del 2012, in coalizione, che gli aveva fruttato 2 consiglieri comunali era parso già un risultato molto importante e oggi, dopo 5 anni di tira e molla con la Bonaldi e molti cambi di casacca in consiglio comunale… insomma. Ma mai dire mai quei dannati rifondaroli hanno sette vite e molte risorse, e la Aiello è sicuramente un ottimo acquisto.

Emanuele Mandelli

(Visited 115 times, 6 visits today)