Minoranza compatta per i 5 emendamenti, pure troppo (ci si ironizza un po’ su dai….)

Minoranza compatta per i 5 emendamenti, pure troppo (ci si ironizza un po’ su dai….)

Vignetta di Beppe Cerutti, foto fregata a Cremaoggi. Magari non si incazzano. La conferenza stampa si riassume nel comunicato che pubblichiamo integralmente.

Amministrare una città come con la rotatoria di Porta Ombriano: fare, disfare e non costruire!

Un bilancio 2016 elettorale, di fine mandato che ci costringerà in fase di discussione dello stesso a fare il punto sul governo dell’amministrazione Bonaldi: davvero poca cosa e che, per come è impostato l’attuale bilancio, chiuderà ancora peggio. Troppe le buone occasioni perse, altre, come il campus scolastico, ripescate, speriamo, per il rotto della cuffia.

Un bilancio elettorale dalle entrate non certe, con risorse una tantum altrettanto poco certe. Incerte quelle relative a LGH, ancora molto più incerte quelle relative ad eventuali alienazioni di patrimonio immobiliare comunale. Quindi tutta una serie di investimenti programmati posti in bella mostra ma a rischio, alcuni dei quali addirittura impossibili da realizzarsi entro la fine della legislatura. Insomma, c’è il rischio di tanto fumo e poco arrosto.

Un bilancio elettorale privo di prospettiva e di priorità che si è completamente dimenticato di come il perdurare del delicato e difficile momento economico finanziario nel Paese ha ridotto la nostra bella città.

La priorità di oggi per Crema è di investire le risorse una tantum in entrata, già a rischio per i prossimi bilanci, per rimettere in ordine le sue strade, i suoi marciapiedi, i suoi giardini, la sua illuminazione, la sicurezza degli immobili scolastici, e più in generale la sicurezza dei propri cittadini. La priorità di oggi non è certamente quella di realizzare la ciclabile da e per Campagnola. Non perché non sarebbe una bella cosa ma semplicemente e naturalmente perché non è una priorità rispetto alle altre ed improcrastinabili esigenze della nostra città, che richiedono risorse aggiuntive a quelle previste.

Perciò, nonostante alcuni dati tardino ad arrivare, e solo la disponibilità degli uffici abbia permesso di ricevere fino all’ultimo risposte ad alcune domande tra le inevase, con le nostre proposte al bilancio abbiam  voluto dare un segnale importante alla città, in continuità con quelle che da sempre avanziamo e puntualmente la maggioranza respinge.

Innanzitutto prima abbiam  proposto l’esenzione  IRPEF ai redditi fino a 18000 €, che l’amministrazione ha poi deciso di adottare (noi avevamo proposto tra 18000 e 20000€ ma si sa la ritrosia di quest’amministrazione).

Ed ora gli emendamenti, rivolti alle famiglie come il bonus bebè e al lavoro (come sempre): uno per finanziare almeno la parte di competenza della tangenzialina, da troppo richiesta dalle imprese a S.Maria, uno per abbattere IMU alle attività’ produttive, senza regalie di parte.

Loro sventolano il mantenimento della riduzione 30%  IMU o TARI , ma solo alle nuove attività’ dal triennio scorso, ma non dicono mai quante sono: a mala pena si contano sulle dita di una mano in un triennio (ecco perché le fanno). Bisogna osare di più’ a favore di chi costruisce opportunità’ di lavoro, senza generare clientelismi nel sociale che alla lunga diventerà insostenibile finite le multe, finiti i recuperi forzati da accertamenti, finite le aperture sui bilanci 2016 da parte del governo grazie alle amministrative di importanti città!

La tangenzialina di S.Maria: magicamente riemerge sugli articoli di giornale ma è assente nel Piano delle opere triennale. L’impegno si vede se si sanno trovare le risorse, e se quest’ anno le risorse ci sono, o si possono trovare, bisogna dimostrarlo nelle priorità.

i Gruppi Consigliari di:

Lega Nord, Forza Italia, NCD, Servire il Cittadino, Solo Cose Buone per Crema

(Visited 17 times, 4 visits today)