Ode al Salame: Chapeau alla bravissima Gigliola Reboani e alla sua meravigliosa poesia tutta dedicata al salame

Ode al Salame: Chapeau alla bravissima Gigliola Reboani e alla sua meravigliosa poesia tutta dedicata al salame

Al salame

È vuota la dispensa
Che passa oggi la mensa?
Scandaglio nel mio frigo
Per il languor mi sbrigo
C’è solo del salame
A soddisfar la fame
Ne taglio qualche fetta
Non ho nessuna fretta
Con calma lo divoro
E provo già ristoro

Il suo sapore intenso
All’oggi può dar senso
Son semplice e lo apprezzo
Fin da piccino avvezzo
A far merenda grato
Con quello stagionato
Un rito: lo spuntino
Gustando un buon panino
La mamma lo imbottiva
Che bel ricordo. Evviva!

In Italia sono tanti
Son buoni tutti quanti
C’è quello industriale
Meglio l’artigianale
Con l’aglio o cacciatore
Va bene a tutte l’ore
Milano o piacentino,
piccante o di Felino
(e non pensate al gatto
non sono mica matto!)

C’è il Calabro e ungherese
Il nostro cremonese
Toscano e bergamasco
Siculo e cremasco
Poi c’è quello friulano
Ed anche molisano
Strolghino e basilisco
Io più qui non finisco…
L’elenco è così lungo
Che a meta mai io giungo

Mi distraggo un momento
Nell’aria un trillo sento
È il suon del campanello
Vado ad aprir: che bello!
È il mio nuovo vicino
Di profession norcino
Che giorno fortunato!
Ho in dono un insaccato

(Visited 274 times, 154 visits today)