Sanremo, l’autore cremasco Davide Simonetta: Questo è il mio Festival più importante

Sanremo, l’autore cremasco Davide Simonetta: Questo è il mio Festival più importante

Nel suo quartier generale, posto speciale  dove si respira musica appassionata, di Bagnolo Cremasco, il cantautore e autore cremasco Davide Simonetta è in procinto di partire per la Liguria dove, per la terza volta assoluta, il Festival di Sanremo lo vedrà appunto protagonista tra gli autori. E con lui, volentieri abbiamo scambiato quattro chiacchiere.

Quindi ci siamo è nuovamente tempo di atmosfere festivaliere sanremesi…

Sì e quest’anno sono particolarmente emozionato, sento il momento e incrocio le dita.

Un anno fa con “Fatti bella per te” ecco in un certo senso contribuisti al rilancio artistico della grande Paola Turci.

Cantante fantastica e donna stupenda tiene il palco alla grandissima e … dai non parliamo di rilanci che Paola è sempre sulla cresta dell’onda. E lo è sempre stata.

Quest’anno sei nuovamente della kermesse, in vesti di autore, con la canzone di Annalisa e hai inoltre collaborato al pezzo delle Vibrazioni.

Esatto e speriamo fili tutto liscio. Non aggiungo altro, per superstizione e … per tutto. Come ti ho detto prima il momento è topico, questo probabilmente è il Festival più importante per me.

Facciamo il solito gioco chi vincerà?

Mah le sorprese sono sempre da mettere in cantiere. Ermal Meta e Moro portano un testo impegnato e possono lasciare il guizzo vincente. Ron canta Lucio Dalla…

Ma non ti viene voglia di cantare anche tu a Sanremo?

Troppo stress, la macchina del Festival è bestiale e massacrante. E la vita dei protagonisti in quei giorni è infernale. Ci vuole il fisico al top per sopportare la lunga maratona festivaliera.

Un artista col quale vorresti collaborare?

Per Vasco Rossi scriverei volentieri.

E com’è stato scrivere invece per Emma?

Ragazza generosa, sensibile, attenta e riconoscente. E poi è bravissima.

E ad Amici, Talent che ti vede tra gli autori protagonisti come vanno le cose?

Alla stragrande e non smetto di ringraziare, per l’opportunità straordinaria concessami, Maria De Filippi. Grazie a lei la figura dell’autore è uscita dall’ombra tornando in prima linea.

Chiudiamo tornando a Sanremo, che Festival ti aspetti?

Non sarà facile ripetere gli ascolti record di Paolo Conti. Ciò detto Claudio Baglioni è un professionista capace e conosce la materia. Cosa mi aspetto? Che trionfi la bella musica.

Così parlò Davide Simonetta, penna florida, ispirata e col guizzo. Non si partecipa al Festival di Sanremo per caso. Là ci vanno i bravi. E Davide è bravissimo.

Stefano Mauri

 

(Visited 532 times, 81 visits today)