Sussurbacco, Franciacorta Docg Dosaggio Zero Cisiolo Tenuta Villa Crespia: la Sfida vinta

Sussurbacco, Franciacorta Docg Dosaggio Zero Cisiolo Tenuta Villa Crespia: la Sfida vinta

Premessa doverosa: la “SussurBottiglia” della settimana, per Villa Crespia (Muratori) soprattutto è essenzialmente una sfida lanciata e … stupendamente vinta.

Non era infatti semplice creare uno spumante ottenuto da uve Pinot Nero in purezza e ottenere, senza interagire con la liquer, un prodotto intrigante, seducente, avvolgente (senza stravolgere) e accattivante. Che si sa il Pinot Nero ha un carattere tutto suo, difficile da trattare. Ebbene, il Cisiolo (Villa Crespi sorprendente), col suo carattere deciso è un Franciacorta stimolante, per certi versi didattico, ma fondamentalmente è uno spumante dosaggio zero che pienamente esprime il suo territorio d’appartenenza con incanto e senza stancare. Contesa … stravinta!

Applausi quindi al Franciacorta Docg Dosaggio Zero Cisiolo Made in Tenuta Villa Crespia (Chapeau! Degustare per credere), il Pinot Nero vinificato in bianco (piatti saporiti, zuppe di pesce, caciucco, carni alla brace, braci in generale con queste bolle d’autore si sposano assai bene) che ha vinto tutte le sfide possibili immaginabili e che può aprire orizzonti splendidamente aperti e da definire.

Il perlage? Finissimo, continuo, affascinante da vedersi e ammirare. I profumi?

Note speziate decise, agrumi mediterranei e frutta matura insieme a sfumature riportanti a lieviti.

L’affinamento? In acciaio sui lieviti per 7 – 8 mesi, una parte fa invece legno di rovere per 6 – 12 mesi. La rifermentazione? Rigorosamente in bottiglia per almeno 30 mesi. Complimenti alla Galassia Muratori e applausi per Villa Crespia Franciacorta.

Stefano Mauri

(Visited 31 times, 3 visits today)