Sussurbacco, Luretta Manvantara, la Doc Colli Piacentini Bonarda secondo la cantina Luretta

Sussurbacco, Luretta Manvantara, la Doc Colli Piacentini Bonarda secondo la cantina Luretta

Mai come in questo caso, beh le cosiddette note del produttore risultano piacevolmente indicative, ergo leggiamole con attenzione e cura…

“Piacevolezza e intensità. Avvolgono il degustatore al primo olfatto di intensissimi aromi di questo vino che spaziano dai floreali sentori di viola e iris fino ai più complessi balsamici di resina, cedro e pepe. Caratteristica la morbida bevuta di piacevole Bonarda, vitigno unico in Italia e presente solo nel particolarissimo territorio di Piacenza. Inebriante saudenza di more nell’unicità di un inimitabile vino”.

Chapeau e degustare per credere che … il Manvantara secondo l’azienda vitivinicola biologica Luretta, ottenuto appunto da uve Bonarda fermentate in 20 giorni e affinate successivamente in barriques per circa 10 mesi, ecco, come tutti i vini della cantina magistralmente diretta dal buon Lucio Salamini, sì è un rosso particolarissimo che sa incantare senza stancare. Che aspettate quindi a provarlo accompagnato a secondi piatti di carne e cacciagione. Un consiglio? Con le pappardelle fatte in casa con straccetti di Capriolo questo Bonarda da stupire e aprire scenari finora inesplorati. O quasi.

Vino rosso intenso con forti sentori di bacche rosse, confetture e sfumature balsamiche. In bocca invece emergono sapori di polpa matura e marasca densa, che il Manvantara è sensualavvolgente, affascinante, seducente e magico nella sua semplicità tipica… come solo certe incantevoli donne sanno e possono essere.

Stefano Mauri

(Visited 43 times, 3 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *