“The Beer District”: il Birrificio del Distretto di Crema, del Granducato del Tortello e della birra, versione alla belga, “Mostaccina”.

“The Beer District”: il Birrificio del Distretto di Crema, del Granducato del Tortello e della birra, versione alla belga, “Mostaccina”.

Il Birrificio del Distretto Crema nasce a Ripalta Cremasca, nei pressi della vivace cittadina di Crema ed è conosciuto, localmente, come “ The Beer District “ (www.thebeerdistrict.it – via Vittorio Veneto 1/P) da un’idea di Matteo Forgione classe ’86 laureato presso l’Università di Parma – Facoltà di Scienze degli Alimenti, dopo anni di attività nei birrifici lombardi, soprattutto dopo la decisione di fondare, materialmente, il birrificio artigianale insieme ai due soci Nadir Ferrari e Mattia Pedrini .

“The Beer District” prende così forma, arrivando alla prima cotta nel Gennaio del 2019.

L’idea è quella di creare un birrificio del territorio, del Granducato del Tortello e dei cittadini, che affondi le sue radici nel terreno cremasco, nelle sue tradizioni, gusti e valori affiancando la nostra birra ad altri prodotti di forte connotazione cremasca tipo i “Tortelli Cremaschi” o il “ Salva Cremasco”.

Il progetto “The Beer District” è stato concepito in maniera “out the box”: non un semplice birrificio, ma anche una Tap Room, ovvero uno spazio dove compiere un’esperienza immersiva a 360 gradi: consumare birra prodotta all’interno del locale stesso, viverne il processo di creazione, trascorrervi del tempo di qualità con la propria famiglia o i propri amici.

Alla base del progetto c’è una forte componente comunicativa, perché questi spazi diventino la vetrina dell’azienda e i luoghi in cui dare vita ad un vero e proprio “marketing esperienziale”.

La Tap Room è la sede in cui conoscere i prodotti di The Beer District ed è la massima espressione del nostro birrificio.

Tra assaggi e condivisione di idee e racconti al bancone, la Tap Room di The Beer District è il luogo perfetto dove provare e gustare birre classiche ed inedite.

Ah … la vasta offerte delle Birre Artigianali cremasche del Granducato del Tortello, comprende pure la mitica, mitologica e da provare, o da riprovare, birra Mostaccina, che deve il suo nome al famoso biscotto cremasco, ed è l’omaggio, del “Distretto” alla città di Crema, ma anche al Belgio da dove giunge l’ispirazione per brassarla. Questa rivisitazione di una Belgian Dark Strong Ale presenta un colore bruno intenso con schiuma fine e abbondante dalle tonalità marroncine. Al naso l’aroma è complesso: note dolci dei malti, alcoliche e speziate grazie al lavoro del lievito e delle spezie aggiunte in bollitura. In bocca il giusto equilibrio tra secchezza e dolcezza dei malti ben si sposa con il basso tenore di amaro donato dal luppolo. Una carbonazione pungente e un corpo morbido invogliano al secondo sorso. Una birra da abbinare a selvaggina, formaggi e primi piatti gustosi, di territorio come i Tortelli Cremaschi!

stefano mauri

(Visited 6 times, 6 visits today)