Un Gagà (il Massimo Mascherpa) in visita al libero territorio di Tognazza, cantina – museo – territorio fuori dagli schemi

Un Gagà (il Massimo Mascherpa) in visita al libero territorio di Tognazza, cantina – museo – territorio fuori dagli schemi

Nei giorni scorsi, Massimo Mascherpa, commerciante e distributore attivo nel settore enogastronomico, per vedere l’effetto che fa, ma soprattutto per la periodica visita – aggiornamento annuale, ecco si è concesso un viaggio in quel di Velletri alla cantina La Tognazza, bellissima realtà enologica (latognazza.com) fondata, anni fa, da Ugo Tognazzi, attore cremonese tra i primi a parlare in pubblico di cibo e vino.

Già… Il territorio libero di Tognazza è un luogo-non-luogo alle pendici del Monte Mascetti.

Nel territorio libero di Tognazza non esistono gerarchie e non esistono leggi che regolano la vita degli abitanti. Ognuno è libero di pensare e fare un po’ “come cazzo gli pare”.

In Tognazza non esistono frontiere e quindi non esistono stranieri: tutti sono sempre ben accetti senza tener conto del proprio orientamento politico, religioso, sessuale, senza alcuna disparità di genere e di razza.

Anche se a dir la verità guardiamo con un po’ di sospetto gli astemi.

Il territorio libero batte moneta propria, ma ogni moneta che esce ha un nome diverso dall’altra ed è quindi dal 1964 che si cerca di capire quanto vale una o quanto vale l’altra. Annoso problema che ancora non ha una soluzione, ma tutto ciò non sembra infastidire gli abitanti che nel frattempo si dilettano ad organizzare riunioni in merito accompagnate dai prodotti tipici del territorio.

Il prodotto tipico del territorio libero di Tognazza è il VINO.

Le manifestazioni pubbliche sono sempre accompagnate dai vini tipici del territorio, finanche quelle istituzionali.

Non esistono istituzioni pubbliche in Tognazza ma le manifestazioni si organizzano lo stesso per poter bere vino e cantare tutti insieme. Alla fine di ogni funzione viene redatto un verbale, in bianco ovviamente.

Gli abitanti del territorio libero di Tognazza non pagano alcuna tassa. Il contributo richiesto è sotto forma di iniziative di tutela ambientale e di protezione del meraviglioso mondo a cui apparteniamo.

sm

(Visited 22 times, 22 visits today)