Università, quale futuro per il Dipartimento di informatica di Crema?

Università, quale futuro per il Dipartimento di informatica di Crema?

Ieri all’Università in via Bramante si è tenuto un incontro promosso dall’Acsu (Associazione Cremasca Studi Universitari) circa il futuro del Dipartimento di Informatica alla luce dell’intenzione espressa di riunificare la sede via Celoria, opzione portata all’attenzione dell’attuale Rettore, il prof. Gianluca Vago. Nella riunione di stamani erano rappresentate le associazioni di categoria, le forze economiche con la CCIAA, la Associazione Popolare per il Territorio, il Polo della Cosmesi, Reindustria e le organizzazioni sindacali, per condividere il percorso che Acsu si è data per arrivare con una proposta unitaria all’incontro con Gianluca Vago il prossimo 14 marzo. Percorso che al momento non può certamente prescindere dal richiedere il rispetto della convenzione fino alla scadenza del 2020, continuando sino ad allora a garantire la piena funzionalità della sede cremasca.

A ciò si dovrà affiancare una progettualità di rilancio, che va peraltro discussa con i nuovi vertici dell’Ateneo (in primavera ci sarà l’elezione del nuovo Rettore, che si insedierà ufficialmente dal 1° ottobre prossimo), che parta dalle specificità del tessuto economico produttivo locale e che gli attori territoriali intendono promuovere.
A questo incontro seguiranno quello coi sindaci del territorio cremasco e il presidente della provincia che si terrà il 2 marzo, e quello con i player più significativi nel campo della cosmesi fissato il 6 marzo. Successivamente sono in programmazione omologhi incontri con le aziende della meccanica e meccatronica e, infine, prima del 14 marzo, con gli eletti del territorio in Regione e al Parlamento.

(Visited 99 times, 14 visits today)