Elisa Tadini, la cuoca cremasca che non se la tira, ama i Kiss e fa una versione “monella”, da Chapeau e al cacao dei Tortelli Cremaschi…

Elisa Tadini, la cuoca cremasca che non se la tira, ama i Kiss e fa una versione “monella”, da Chapeau e al cacao dei Tortelli Cremaschi…

“Tortelli e tortelli preparati con amore: come tutti i cremaschi sanno fare, che il bello del Tortello Cremasco è la varietà; ognuno ha la sua ricetta tramandata di generazione in generazione e non

c’è niente di più bello che mantenere sia una tradizione famigliare che territoriale”

Così posto’ via Facebook, tempo fa, la cuoca (stupendamente brava e che non se la tira), colonna portante della storica Trattoria Rosary di Quintano (Cremona), perla di un… immaginario, ma non troppo, Granducato del Tortello, Elisa Tadini, colei la quale, di Re Tortello, fa pure una versione, “monella”, seducente, gustosa, burrosa, appassionata, favolosamente buona al cacao.

Ma Elisa, oltre a essere una cuoca genuina e … appunto bravissima, beh è soprattutto una fan sfegatata dei Kiss, così, lunedì scorso, si è regalata una toccata e fuga “Hard Rock” all’Arena di Verona per ammirare il suo gruppo preferito dal vivo. Chapeau!

Ah… ecco ora, dei mistici, magici, particolari Tortelli Cremaschi del Rosary di Quintano, animato da Elisa e dalla figlia Mascia,la ricetta:

L’impasto, realizzato solo con farina di grano tenero, acqua e sale, viene tirato con cura in cucina, porzionato ad hoc e farcito col ripieno composto e combinato da amaretti, cedro, mostaccino (tipico biscotto speziato della zona che pure degustato da solo, accompagnato a Grappa al Lambrusco spacca), Grana Padano, menta, uvetta e noce moscata.
Per completare il tutto, un condimento abbondante di burro, salvia e Grana Padano

stefano mauri

(Visited 35 times, 7 visits today)