Fabio Bergamaschi mi consenta: lei è sicuramente un bravo politico, ma i Tortelli Cremaschi con l’acqua non si possono vedere, sentire e mangiare, no?

Fabio Bergamaschi mi consenta: lei è sicuramente un bravo politico, ma i Tortelli Cremaschi con l’acqua non si possono vedere, sentire e mangiare, no?

Ti piacciono i Tortelli Cremaschi? Con che vino li abbini se li mangi ovviamente?

 

Amo i tortelli cremaschi dall’infanzia, da quando con mia nonna Angela ci si metteva nel tinello a stendere insieme la pasta con la macchinetta, a preparare l’impasto, ad assaggiarlo, talvolta di nascosto, prima di pizzicare i bordi per chiuderli, dopo essere passati dalla drogheria di Pierino e Amilcare Cazzamalli di piazza Giovanni XXIII a comprare gli amaretti, l’uva sultanina, i biscotti mostaccini e tutto il necessario che usciva dai cassettoni di legno scuro alle pareti del negozio. Se oggi li amo ancora così tanto è anche per quel sapore antico che deriva dall’ingrediente speciale del ricordo, della tradizione familiare, del legame primitivo, indissolubile, con questa città e le sue generazioni. Un sapore che gusto pieno come da bambino, accompagnandolo solo con l’acqua.

Intervistato da Cremona Sera, così ha risposto il candidato sindaco del centrosinistra. E… Fabio Bergamaschi mi consenta: lei è sicuramente un bravo politico, ma i Tortelli Cremaschi con l’acqua non si possono vedere, sentire e mangiare, no? Poi per carità ognuno faccia quel che vuole ma abbinati a un bel Lambrusco Ancestrale Caleffi  o alla Malvasia sempre Caleffi, i Tortelli Cremaschi spaccano.
stefano mauri
(Visited 29 times, 4 visits today)