Anna Maria Mariani: L’esperienza Agrihabitat, Apericinema e sul Tortello

Anna Maria Mariani: L’esperienza Agrihabitat, Apericinema e sul Tortello

Anna Maria Mariani, cuoca alternativa, fuori dai soliti schemi e stereotipi, ma soprattutto deus ex machina, testa, cuore, insomma anima appassionata dell’agriturismo, locanda (le camere sono fantastiche) e ristorante Loghetto di Crema, frazione Ombriano è, per così dire una donna creativa da mille risorse. Siamo andati a trovarla per scambiare due chiacchiere con lei che, se ha qualcosa da dire, lo fa senza tanti giri di parole. Come quando vuole precisare qualcosa sugli ingredienti da inserire nella ricetta da certificare del Tortello Cremasco e qualcos’altro in merito al progetto Agrihabitat.

Finite le tue lezioni in cucina con i tuoi fantastici e speciali ragazzi diversamente abili?

Sì e tra le varie lezioni svolte nei vari incontri, ricordo con piacere quella a indirizzo orticolo con l’apicoltore Gabriele del Fiore del Moso, il quale ci ha regalato una straordinaria lezione sulla vita delle api. Lavorare a stretto contatto con questi meravigliosi giovani in sinergia con l’istituto Sraffa è un’esperienza emozionante, intensa, ricca, interessante e decisamente da consigliare.

Riproporrai l’esperienza quindi del progetto sociale Agrihabitat?

Certamente ma la politica deve aiutarci per fare in modo che, i ragazzi diversamente abili, una volta terminato da me il percorso formativo risto – culinario, ecco possano trovare un’occupazione, qualcosa da fare. L’assessore Matteo Piloni ha speso parole importanti nei confronti della proposta Agrihabitat, sarebbe importante se alle parole seguissero fatti che i miei ragazzi meritano il massimo.

Sbaglio o nel tuo agriturismo tieni periodiche lezioni su come preparare, rigorosamente a mano, i … Tortelli Cremaschi?

La cosiddetta Scuola del Tortello è frequentata, gettonata e richiesta. Se volete informazioni in merito oltre a visionare la mia pagina Facebook e il sito internet del Loghetto www.cascinaloghetto.com potete contattare il seguente recapito telefonico: 0373 230209. La mia ricetta per preparare i tortelli a cresta di gallo tuttavia è, rimane e resterà top secret, per provarli propongo serate apposite, basta consultare il sito. Nel menù alla carta periodico poi li trovate comunque.

Tra l’altro il Loghetto è stato il primo agriturismo di Crema…

Esattamente e a distanza di tanto tempo, tra difficoltà, sogni, emozioni, aspettative, gioie, soddisfazioni e botte siamo ancora qua. Praticamente autoproduciamo quasi tutti gli elementi che poi serviamo, preparati e cucinati, in tavola.

Ti sei inventata pure una scatola artigianale per affumicare trote e storioni?

Il brevetto è mio e il risotto con la trota o con lo storione è ormai una specialità assai apprezzata. Ho iniziato ad affumicare anche il salame.

Come la leggendaria cotoletta ad orecchia d’elefante preparata alla maniera di Anna Maria.

Mi raccomando però se volete mangiare la mia cotoletta ricordatevi di prenotarla.

Sei affiliata alla Confraternita de Tortello?

Fare sistema di questi tempi è fondamentale, importante e vitale. Sua maestà Re Tortello poi è il Piatto del Cremasco, quindi trovo utilissima la nascita di un’associazione che ne promuova e tuteli l’immagine con un occhio all’apparenza e uno alla sostanza. Posso dire una cosa in merito ai tortelli?

Prego…

Milanese di nascita mi reputo comunque cremasca d’adozione e legata alle tradizioni di Crema. Ragionando in tal senso, nell’ambito della Confraternita auspico siano inseriti e protocollati nella stesura della ricetta ufficiale, i sacri crismi, con i genuini elementi indispensabili alla preparazione dei tortelli partendo, per esempio, dall’utilizzo della pasta matta per la preparazione della pasta. Ma la Confraternita del Tortello, composta da persone preparate e in gamba, saprà certamente agire in tal senso, altrimenti anziché costituire un’associazione ufficiale, i confratelli fondatori avrebbero fatto un circolo informale. No?

Cos’è la Family Bag?

E’ una borsa, o meglio, una scatola speciale utile per quelli che, se proprio non riescono a mangiare tutto, finito il pasto possono portarsi comodamente a casa quanto avanzato.

E se dico Apericinema? 

Esperimento cui tengo moltissimo, consiste in questo: chi viene a cena nel weekend può scegliersi un film, da una vasta offerta da vedere, su schermo gigante, quando mangia.

Nota a margine: Anna Maria, donna stupenda e propositiva, da sola continua l’opera iniziata tanti, ma tanti anni fa dal leggendario Antonio, milanista rock e pioniere dell’attività agrituristica in Italia (e nel Cremasco) purtroppo scomparso (una brutta malattia l’ha portato via) tempo fa troppo in fretta. Non c’è più il corpo, l’apparenza del buon Antonio al Loghetto, che lo spirito e la sostanza si respirano tutt’oggi e aiutano Anna ad andare avanti.

Stefano Mauri

(Visited 104 times, 5 visits today)