Beyoncé, tutte le informazioni sul nuovo disco Cowboy Carter

Beyoncé, tutte le informazioni sul nuovo disco Cowboy Carter

COWBOY CARTER”, il nuovo album della superstar mondiale vincitrice di ben 32 Grammy Awards BEYONCÉ, sta battendo ogni record!

È l’album più ascoltato su Spotify in un singolo giorno nel 2024 con oltre di 87 milioni di stream ed è il miglior debutto per un album su Amazon Music nel 2024.

L’artista, inoltre, ha ricevuto l’ambito “Innovator Award” agli iHeart Radio Music Award e, con il brano “TEXAS HOLD’EM”, è la prima donna nera a raggiungere per 2 settimane consecutive la #1 della classifica Hot Country Songs di Billboard.

COWBOY CARTER”, di cui Beyoncé è produttore esecutivo, è su tutti i generi musicali, pur essendo profondamente radicati nel country. Questo è il lavoro di un’artista che prospera nella sua libertà di crescere, espandersi e creare senza limiti. Non si scusa e non cerca alcun permesso per elevare, amplificare e ridefinire i suoni della musica, smantellando le false norme accettate sulla cultura americana. Rende omaggio al passato, onorando i pionieri della musica country, rock, classica e lirica.

 

L’album è una cornucopia di suoni che Beyoncé ama e che ha ascoltato crescendo, tra le visite e le esibizioni allo Houston Rodeo – Country, Rhythm & Blues, Blues, Zydeco e Black Folk. L’album si avvolge in una pura strumentazione in un autentico e festoso miscuglio di suoni che utilizzano, tra gli altri, la fisarmonica, l’armonica, il washboard, la chitarra acustica, l’ukulele basso, la pedal steel guitar, un Vibra-Slap, il mandolino, il violino, l’organo Hammond B3, il tack piano e il banjo. Ci sono anche molti battiti di mani, passi di ferro di cavallo, colpi di stivali su pavimenti in legno e… le unghie di Beyoncé come percussioni.

«La gioia di creare musica è che non ci sono regole – afferma Beyoncé – Più vedo il mondo evolvere, più sento una connessione più profonda con la purezza. Con l’intelligenza artificiale e i filtri digitali e la programmazione, volevo tornare agli strumenti reali, e ho usato quelli molto vecchi. Non volevo alcuni strati di strumenti come archi, specialmente chitarre e organi perfettamente intonati. Ho mantenuto alcune canzoni grezze e ho puntato sul folk. Tutti i suoni erano così organici e umani, cose quotidiane come il vento, scatti e persino il suono degli uccelli e dei polli, i suoni della natura».

E l’ispirazione tiene conto ulteriormente della cultura meridionale e occidentale oltre alla musica, al rodeo, ai film western e alle storie dei cowboy originali del West. È stato al Rodeo che ha visto per la prima volta la diversità e il cameratismo tra le persone che amano la musica country e uno stile di vita americano, intriso di comunità, offerte culinarie, grigliate e attrezzatura occidentale. Ed era per tutti. Tra la folla c’erano cowboy neri, ispanici e nativi americani, che hanno dato il loro prezioso e autentico contributo alla cultura. Le loro storie sono sinonimo di storia americana.

 

La musica è avvolta attorno a un’effusione di narrazione appassionata e audace che affascina l’ascoltatore con la voce familiare e potente di Beyoncé al centro. Le sue parti vocali proiettano una luce accecante su una narrazione intrisa di verità, rivelando storie nascoste e godendo di tutta la magia che cerchi quando intraprendi un viaggio intenzionale verso le tue radici. Beyoncé è una studiosa di storia e continua il masterclass di musica americana iniziato con l’atto i RENAISSANCE nel 2022, che è stato un tuffo profondo nella musica dance e nei suoi creatori, e nella celebrazione di coloro che hanno vissuto nella gioia nonostante fossero fatti sentire come se valori anomali. 

 

In “COWBOY CARTER” il lavoro di un’artista che ha creato alle proprie condizioni, in assenza di regole, persiste con coraggio. Le canzoni accarezzano, cullano e incoraggiano la curiosità dell’ascoltatore attraverso 27 doni di sorprese rivoluzionarie, cancellando i limiti posti alla musica basata sul genere. Come produttrice, Beyoncé esplora e sperimenta cambi di accordi e tonalità mescolando senza sforzo generi, piegando e fondendo l’inaspettato per abbattere ogni muro di confine musicale. Si tratta di un raro corpus di lavori che potrebbe ospitare così perfettamente remake di classici come “BLACKBIIRD” dei Beatles e “JOLENE” di Dolly Parton con creazioni sonoramente diverse come “SWEET HONEY BUCKIN”, “RIIVER DANCE” e “II MOST WANTED”.

 

«Il mio processo è che di solito devo sperimentare – dice Beyoncé – Mi piace essere aperta e avere la libertà di esprimere tutti gli aspetti delle cose che amo e quindi ho lavorato su molte canzoni. Ho registrato probabilmente 100 canzoni. Una volta fatto ciò, sono in grado di mettere insieme il puzzle e realizzare le coerenze e i temi comuni, per poi creare un solido corpus di lavoro».

 

L’album è davvero un esperimento. Ogni canzone è la propria versione di un film western reinventato. Ha preso ispirazione da film come “Five Fingers For Marsiglia“, “Urban Cowboy“, “The Hateful Eight“, “Space Cowboys“, “The Harder They Fall” e “Killers of the Flower Moon“, spesso proiettando i film su uno schermo durante il processo di registrazione. Alcuni aspetti delle percussioni sono stati ispirati dalla colonna sonora di “O Brother, Where Art Thou?”, dove era più Bluegrass. Questo corpus di lavori ondeggia dal canto di cowboy blaxploitation agli spaghetti western e al fantasy, con Beyoncé che intreccia esperienze personali, onorando la storia nera, fino all’esagerata costruzione del personaggio. Il vinile in edizione limitata raffigura un microfono a forma di pistola a là Thelma e Louise che fuggono dalla legge, ma la pistola è una realtà invisibile e iper esagerata.

 

Il personaggio, Cowboy Carter, è nato da queste esperienze e si è ispirato agli originali cowboy neri del West americano. La stessa parola cowboy era usata in modo dispregiativo per descrivere gli ex schiavi come “ragazzi”, che erano i più abili e svolgevano i lavori più duri nel maneggiare cavalli e bestiame. Nel distruggere la connotazione negativa, ciò che rimane è la forza e la resilienza di questi uomini che erano la vera definizione della forza d’animo occidentale. Mentre RENAISSANCE è stata una rinascita dichiarata dopo la pandemia, COWBOY CARTER è una frequenza dichiarativa e un cambiamento accademico, mentre il mondo si prepara a cambiare di nuovo, che ridefinisce e ricostruisce ciò che è Country e Americana e chi deve essere incluso. L’album si apre con “AMERIICAN REQUIEM”, un allarme simile a un inno che incenerisce vecchie idee sull’arte e sulle persone che la creano. Beyoncé si è sistemata con un gruppo stellare di collaboratori, tra cui The-Dream, Pharrell, NO I.D., Raphael Saadiq, Ryan Tedder, Ryan Beatty, Swizz Beatz, Khirye Tyler, Derek Dixie, Ink, Nova Wav, Mamii, Cam, Tyler Johnson, Dave Hamelin e Shawn “JAY-Z” Carter per trovare le gemme segrete in ogni canzone. Il processo, a volte durato anni, spesso significava combinare pezzi di registrazioni diverse, cambiare la strumentazione qui, aggiungere un rullante là, per arrivare al punto perfetto al momento giusto.

 

«Questo album ha richiesto più di cinque anni – dichiara Beyoncé – È stato davvero fantastico avere il tempo e la grazia di poter dedicare il mio tempo. Inizialmente avrei dovuto far uscire COWBOY CARTER per primo, ma con la pandemia il mondo era troppo pesante. Volevamo ballare. Meritavamo di ballare. Ma dovevo fidarmi dei tempi di Dio».

 

E l’alleanza musicale qui include contributi da un elenco impressionante di artisti come cantanti, musicisti e oratori, tra cui Dolly Parton, Willie Nelson, Linda Martell, Stevie Wonder, Chuck Berry, Miley Cyrus, Post Malone, Jon Batiste, Rhiannon Giddens, Nile Rodgers, Robert Randolph, Gary Clark, Jr., Willie Jones, Brittney Spencer, Shaboozey, Reyna Roberts, Tanner Adell e Tiera Kennedy. COWBOY CARTER è la miscela musicale che non ti aspettavi dall’artista e produttore più innovativo del mondo, che ha reso la norma spingere i confini nella fornitura di arte che sfida i sensi. Riguarda la cultura, l’eredità e un’aggiunta fondamentale al canzoniere americano da parte del talento più importante e creativo di un secolo.

 

«Penso che le persone rimarranno sorprese perché non penso che questa musica sia ciò che tutti si aspettano – racconta Beyoncé – ma è la migliore musica che abbia mai fatto».

Questa è la tracklist di “Cowboy Carter” (digital version):

  1. AMERIICAN REQUIEM
    2. BLACKBIIRD (feat. Tanner Adell, Britney Spencer, Tiera Kennedy, Reyna Riberts)
    3. 16 CARRIAGES
    4. PROTECTOR (feat. Rumi Carter)
    5. MY ROSE
    6. SMOKE HOUR ★ WILLIE NELSON (feat. Willie Nelson)
    7. TEXAS HOLD ‘EM
    8. BODYGUARD
    9. DOLLY P (feat. Dolly Parton)
    10. JOLENE
    11. DAUGHTER
    12. SPAGHETTII (feat. Linda Martell, Shaboozey)
    13. ALLIIGATOR TEARS
    14. SMOKE HOUR II (feat. Willie Nelson)
    15. JUST FOR FUN (feat. Willie Jones)
    16. II MOST WANTED (feat. Miley Cyrus)
    17. LEVII’S JEANS (feat. Post Malone)
    18. FLAMENCO
    19. THE LINDA MARTELL SHOW (feat. Linda Martell)
    20. YA YA
    21. OH LOUISIANA
    22. DESERT EAGLE
    23. RIIVERDANCE
    24. II HANDS II HEAVEN
    25. TYRANT (feat. Dolly Parton)
    26. SWEET ★ HONEY ★ BUCKIIN’ (feat. Shaboozey)
    27. AMEN
(Visited 3 times, 3 visits today)