Biagio Antonacci racconta “Seria”, la sua nuova canzone di svolta, un po’ cremasca con la produzione di Davide Simonetta. E magica grazie a Federica Pellegrini

Biagio Antonacci racconta “Seria”, la sua nuova canzone di svolta, un po’ cremasca con la produzione di Davide Simonetta. E magica grazie a Federica Pellegrini

Già, il tempo vola e sono passati due anni e mezzo dalla pubblicazione dell’ultimo disco di Biagio Antonacci: “Chiaramente visibili dallo spazio”, e due dal lancio dell’ultimo singolo estratto dal disco. Ora però finalmente, l’artista sex symbol, si è rimesso in moto e parte la sua nuova era artistica. Fatale è stato l’ascolto di “Seria” (il figlio di Antonacci, Paolo, collabora da anni con Davide Simonetta, il quale ha fatto artisticamente breccia, nel padre, producendo il suo nuovo successo). E… Seria è il primo singolo che porterà alla pubblicazione, entro fine 2022, del 16esimo disco di inediti del cantautore di Rozzano, gira e piace un sacco, è prodotta da d.whale (Simonetta lascia sempre il segno) e Placido Salamone, ed è raccontata così, da Biagio:

“Tutto cambia, mi evolvo, conquisto consapevolezza e vivo di riassunti preziosi ho scritto spesso degli umori e degli amori delle donne fino ad arrivare a Seria, che è il desiderio di un uomo che attende la decisione di una donna. Seria è una donna in continua ricerca, senza compromettere mai la sua libertà, libera di portarsi anche solo un cuscino.

Il brano è accompagnato da un video con una protagonista d’eccezione, la campionessa Olimpica di nuoto e tutt’ora detentrice del Record Mondiale sui 200 metri stile libero Federica Pellegrini.

Ho rivisto una gara di Federica e ho pensato di scriverle, anche se non ci conoscevamo per proporle di scattare delle foto dato che la fotografia è una mia grande passione. Ci siamo scritti e ha subito accettato e alla fine dalle foto è nata l’idea del video di Seria. Lavorare con lei è stata una meravigliosa esperienza. Lei è davvero la Divina ed è una donna straordinaria, una campionessa dentro e fuori la vasca”.

Un curioso retroscena, tra leggenda di provincia e realtà, legato a un incontro, datato (qualche settimana fa) tra Simonetta e Antonacci Senior a Bagnolo Cremasco (ombelico del mondo musicale italiano in quanto quartier generale artistico di Davide)?

Ebbene, da quelle parti per lavoro e per incontrare il cremasco (ma nato a Lodi) Simonetta, il Biagio nazionalpopolare (a novembre parte il suo tour) è stato riconosciuto dalle esponenti del gentil sesso bagnolesi. Ed è stato tripudio!

stefano mauri

(Visited 12 times, 12 visits today)