Dj Sergio Zuccotti: sì… la paura e l’incoscienza sono un terribile mix esplosivo

Dj Sergio Zuccotti: sì… la paura e l’incoscienza sono un terribile mix esplosivo

E’ preoccupato Sergio Zuccotti, Deejay professionista giramondo, nel senso che ha suonato praticamente ovunque, i suoi ritmi dance, nel globo terrestre, in questi giorni di ripresa e convivenza col maledetto Coronavirus. E la sua preoccupazione, periodicamente, nelle sue dirette musicali social sulla sua pagina Facebook, ecco non manca mai di manifestarla e sottolinearla. Per chiedergli a che punto è la notte, volentieri siamo tornati a scambiare quattro chiacchiere con lui…

La frase … “Nulla sarà come prima, stiamo attenti” è ormai il tuo “mantra” quotidiano…

Sì e così e vivo questa situazione in presa diretta, parlando coi giovani, tutti i giorni. Da una parte ci sono ancora ragazzini terrorizzati che non escono di casa poiché temono eventuali contagi. Dall’altro lato coetanei invece incoscienti vanno in giro senza alcun accorgimento. Ragazzi mi raccomando attenzione: paura e incoscienza rappresentano un potenziale … terribile, mix esplosivo e pericoloso. Il virus non è sparito, è sempre in giro, un cecchino prontissimo a colpire laddove cala la guardia.

Le discoteche hanno riaperto…

Ma come si fa a lavorare serenamente in simili condizioni con gestori di locali, costretti a sostenere costi pieni quando non lavorano da mesi, a tagliare il personale, per sbarcare il lunario, alle prese tra l’altro, con norme e regole pressanti, per arginare la diffusione del virus, che rendono difficile, se non impossibile, appunto lavorare. Lo dico da tempo, il… liberi tutti è arrivato troppo precipitosamente allorquando invece bisognava rieducare, per quanto riguarda il settore dance, alla musica con pazienza e calma. E la comunicazione istituzionale, in materia di virus, doveva, deve e dovrà essere affidata soltanto a una voce, senza che questa faccia confusione, crei allarmismi e confusioni. Servono insomma chiarezza e attenzione. E sai qual è il rischio peggiore?

Dimmi, dimmi …

Che per evitare controlli, all’ordine del giorno, beh non si frequentino i locali ufficiali, finendo con l’organizzare feste e ritrovi carbonari con relativi, pericolosissimi, assembramenti e balli liberi, in case, cantine, cortili.

stefano mauri

(Visited 144 times, 17 visits today)