Emanuele Mandelli riporta al San Domenico i ‘Cremaschi in Riviera’: “Vi aspetto a teatro il 26 gennaio. Il mio brano Sanremese? Si può dare di più”

Emanuele Mandelli riporta al San Domenico i ‘Cremaschi in Riviera’: “Vi aspetto a teatro il 26 gennaio. Il mio brano Sanremese? Si può dare di più”

Il giornalista, Blogger (‘Mister Sussurandom’), grafico, scrittore, cantautore, musicista, musicologo, Dj, Sanremologo, attore e autore Emanuele Mandelli, in stretta sinergia con quelli di ‘Crema Live Heart’ (Chapeau ad Alessandra Andreoli e ad Andrea Spinelli), venerdì prossimo 26 gennaio, al Teatro San Domenico della capitale del Granducato del Tortello (Crema), grazie alla disponibilità dell’assessorato alla Cultura e alla Fondazione, riporterà in scena, la seconda edizione dello spettacolo ‘Cremaschi in Riviera’. Di cosa si tratta? Lo abbiamo chiesto al diretto interessato…

Cosa vi siete inventati a questo giro?

Rispetto al successone dello scorso febbraio, stavolta, oltre a spazi parlati con protagonisti il Lookologo Alessio Resimini e gli amici di Freak Music, beh avremo più spazio per la musica, con 13 artisti cremaschi che interpreteranno una canzone sanremese.

Sei un appassionato esperto di Festival, qual è il tuo brano preferito della leggendaria storia Festivaliera?

‘Si può dare di più’ di Morandi, Ruggeri e Tozzi. Un po’ perché Enrico Ruggeri mi è sempre piaciuto e all’epoca, la sua interazione con mostri sacri d’allora del calibro di Gianni Morandi e Umberto Tozzi mi intrigò un sacco, poi perché quell’edizione del 1987 per me, rappresenta la svolta nazionalpopolare della rassegna che si tiene, tutti gli anni, all’Ariston.

Di cosa parlerai a ‘Cremaschi in Riviera’?

Reciterò un mio monologo sul Festival del 1984 condotto da Pippo Baudo, altra annata squarciante di ripartenza.

Il cremasco Davide Simonetta, oltre a essere tra gli autori delle canzoni di Annalisa ‘Sinceramente’ e di Geolier ‘I p’ me, tu p’ te’, ecco ha curato la produzione del pezzo dei Negramaro ‘Ricominciamo tutto’.

Produrre un brano è caratterizzarlo con suoni e cadenze tutte del produttore. E’ un’operazione fondamentale quella di caratterizzare, quindi produrre, trasformare, indirizzare una canzone. Davide è da anni nel gotha dell’autorato italiano. Ed è stato scelto da Giuliano Sangiorgi proprio perché è tra i migliori autori, arrangiatori, compositori e produttori italiani.

Chi è il tuo favorito per la vittoria al Festival di Sanremo 2024?

Diciamo che a differenza del recente passato non c’è il vincitore annunciato, ma un gruppo di artisti straordinari: AnnalisaAngelina MangoAlessandra Amoroso e i Negramaro, tra i quali può uscire il vincitore. Il mio capitano, nella mia squadra al Fantasanremo sono i The Kolors comunque. A proposito, iscrivetevi alla Lega ‘Cremaschi in Riviera’ e giochiamo insieme al Fantasanremo.

stefano mauri

(Visited 33 times, 33 visits today)