Ottostorto, the magic mirror: Sylvia Plath e il suo doppio

Ottostorto, the magic mirror: Sylvia Plath e il suo doppio

Al via la rubrica settimanale in collaborazione con Ottostorto, non poteva che iniziare con un pezzo dedicato adl una donna

Ognuno, preso dalle incombenze di tutti i giorni, vede nelle cose che lo circondano i semplici oggetti utilizzabili quotidianamente. Non presta attenzione, ad esempio, al forno della propria cucina se non nel momento stesso in cui decide di cuocervi qualcosa. Ma se a qualcuno è mai capitato, una volta aperto, di guardarlo e leggervi – anche solo per un attimo – uno dei versi sopra citati, allora io e quella persona sappiamo – sì, lo sappiamo bene! – che stiamo pensando a Sylvia Plath.
Alle prime luci dell’alba dell’11 febbraio 1963, da ragazza della provincia americana – che aveva pubblicato una raccolta di poesie e un romanzo di modesto successo – la Plath pone fine alla sua vita aprendo il gas del forno di casa e appoggiandoci all’interno la testa. Da questo istante rinascerà infinite volte, nelle sue opere ripubblicate e nelle opinioni dei critici.
Ora è un’eroina del femminismo che ha messo alla berlina l’ipocrita società maschilista degli anni cinquanta; ora è annoverata tra i poeti confessionalisti che nelle loro poesie fanno un resoconto di vita personale; ora è considerata semplicemente una donna mentalmente instabile, una donna arrabbiata con la vita, che desiderava solo la morte….

Lorena Martinelli

Per leggere il resto clicca QUI

(Visited 94 times, 18 visits today)