Sabato prossimo, il FotoScrittoreFumettista Arrigo Barbaglio, alla Libreria Cremasca di Crema presenterà il suo ultimo libro “Il silenzio mi fermerà”

Sabato prossimo, il FotoScrittoreFumettista Arrigo Barbaglio, alla Libreria Cremasca di Crema presenterà il suo ultimo libro “Il silenzio mi fermerà”

Sabato 15 gennaio 2022, alle ore 17,00, nella sala conferenze della Libreria Cremasca, Arrigo Barbaglio in dialogo con Renata Boselli e Stefano Mauri presenterà, “Il silenzio mi salverà” (Arrigo Barbaglio, 2021). Già, la poetessa Renata, in collegamento-tele conferenza, narrerà alcuni aneddoti curiosi sui personaggi del libro. Personaggi o scenografie che lei vide nascere, crescere e che interpretò alla sua maniera attraverso i post voice che Barbaglio stesso le inviava in diretta durante la stesura delle scene in Marocco, dal cuore della città del vento. Un modo curioso e stimolante di vedere gli stessi protagonisti del romanzo sotto luci diverse…
Ecco la trama in pillole: una coppia di detective, il francese Seminoles e il marocchino Ramy, viene sguinzagliata dalle rispettive “nuove” cancellerie di Stato sulle orme dell’inafferrabile UKraino, nell’eccitante scenario esotico, tutto natura (vento e oceano), del Mogador. Può il vento incessante far imbizzarrire uno stallone (dalle bisacce piene di esplosivo sporco) fino allo schianto? Oppure sarà piuttosto un depistaggio, dato in pasto ai detective e ai lettori, come il corpo inanimato della fantomatica attrice duchessa ucraina trovato sul set tra le rovine del Castello Portoghese? La lunga mano dell’intrigo internazionale, passa per un labirinto di sotterranei e caverne ben protette dalla barriera dell’oceano, dove una setta (dalle antiche origini e rituali che si perdono nel tempo), viene infiltrata dai ciarlatani del Nuovo Ordine Mondiale (sconosciuta e misteriosa nuova centrale del male-terrorismo, ma già in grado di usare corazzate fantasma), dando origine a un mix di possibili crudeltà ed efferatezze senza paragoni… La nuova centrale del male, pur decapitata una prima volta, come l’Araba Fenice, sa rinascere dalle proprie ceneri…
Avvenimenti importanti e sconvolgenti, per la sicurezza del Mondo Intero, avvengono tra le rovine del Castello Portoghese, sulle cui pareti bivaccano ancora indelebili le ombre di Jimi Hendrix (Castle of sand) e di Mick Jagger, in Essaouira nei loro anni ‘60, alla perduta ricerca delle contaminazioni musicali con lo Gnawa, la musica berbera… Sullo sfondo, a segnare gli scenari del tempo attuale, anche alcuni fatti dei nostri giorni (il “possibile” Ucrainagate statunitense, i gilet-gialli sotto le finestre dell’Eliseo, la cinematografia indipendente o il primo, possibile attentato terroristico in Italia sul bus Crema-Milano con la storica connessione DNA dei piccoli eroi di oggi con quelli del passato… ma anche velieri carichi di bombe-ormonali alle ricerca di nuove terre da conquistare…)
Arrigo Barbaglio viaggia sul doppio binario della fotografia d’autore e della scrittura romanzata. Da sempre gli è congeniale il connubio immagini-parole e i titoli stessi dei suoi scatti sono spesso indispensabili chiavi d’accesso ai concetti, mai banali, che le sue immagini racchiudono. Ostinatamente continua a non sottoporre i suoi scatti a nessun ritocco, definendosi un ‘artigiano della fotografia’ e usando il cellulare, nell’inossidabile convinzione che i concetti da trasmettere, se validi, non hanno bisogno di grandi supporti tecnologici. Sue mostre personali si sono tenute un po’ in tutti i continenti.

Si consiglia la prenotazione inviando una mail a libreria.cremasca@gmail.com oppure telefonando al 0373 631550.

(Visited 10 times, 10 visits today)