Un Pergo tosto non sfigura a Modena e ora attende al Voltini il Sasso Marconi

Un Pergo tosto non sfigura a Modena e ora attende al Voltini il Sasso Marconi

Ok non è riuscito a vincere in terra Emiliana contro la capolista, nobile decaduta, gloriosa e predestinata (punta decisa al salto diretto in serie C) Modena, ma la Pergolettese, sconfitta per 2 reti a 1 in terra modenese, senza dubbio non ha sfigurato.

Particolare non indifferente: per i padroni di casa ha segnato Bomber Ferrario, vale a dire l’illustre ex che, la scorsa estate tanto ha fatto per emigrare nel capoluogo emiliano.

Ecco… grande cooperativa del gol con tanti calciatori periodicamente a segno (e questo è un merito della società, dell’esonerato trainer Del Prato per la preparazione atletica e del subentrato mister Contini per le alchimie tattiche del caso), chissà avesse ancora in rosa Ferrario o un centravanti dalle caratteristiche simili, oggi magari il Pergo starebbe in graduatoria al posto del Modenissimo.

Ma ragionare coi se e coi ma non fa la storia e fa solo baldoria. Quel che conta è che la Pergolettese costruita da Cesare Fogliazza, Massimiliano Marinelli e Frassi (nei giorni scorsi il direttore sportivo ha specificato, sul sito internet della società di avere testa e mani solo a Crema nel Pergo) sia una realtà viva, vegeta e pronta a colpire.

Se poi il calciomercato di riparazione regalerà qualche guizzo, allora sognare di riacciuffare la lepre “canarina” modenese potrebbe diventare qualcosa in più di un sogno.

Domenica intanto, nel turno prenatalizio al Voltini (sarebbe bello se gli spalti fossero gremiti di pubblico, pathos e tifo) è atteso il Sasso Marconi. Guardia alta e occhi da tigre.

Stefano Mauri

(Visited 25 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *