Amenic torna in Sala Alessandrini e propone oscar all’Italiana e muri che cadono

Amenic torna in Sala Alessandrini e propone oscar all’Italiana e muri che cadono

Novità in casa Amenic:  “le cose da ricordare da qui allo scoccare della pausa estiva sono una manciata, ma una sola è quella veramente fondamentale: non sbagliare strada. Gli incontri cinefili del circolo Amenic di Crema infatti si spostano, da lunedì 29 aprile 2019 in avanti, in SALA EMILIO ALESSANDRINI di via Matilde Di Canossa, 20. Uno spazio civico pubblico multimediale – a zero barriere architettoniche verso i Diversamente Abili – che è recentemente stato riammodernato e che tramite la coordinazione tra Comune, Ufficio Relazioni con il Pubblico e Ufficio Attività Culturali sta riprendendo ad essere destinato anche all’uso delle associazioni.
Il resto delle news riguarda la programmazione che, per il segmento primaverile in corso, vede aggiungersi due nuovi temi di divulgazione e intrattenimento: “…AND THE OSCAR GOES NOT TO ITALY” e “RICORDI I MURI?”.
I dettagli qui sotto; vi aspettiamo numerosi!
…AND THE OSCAR GOES NOT TO ITALY (29 aprile – 20 maggio 2019): Il destino quasi inevitabile di chi arriva secondo è quello di venire dimenticato. Un peccato di faccenda: specie se parliamo di opere cinematografiche e se in ballo c’è l’Autorialità italiana, con le sue voci maestre che hanno segnato i tempi e riscosso ammirazioni internazionali. Rassegna dedicata alle gemme del cinema nostrano che nella storia sono state a un passo dall’olimpo, in lizza per l’Oscar al Miglior Film Straniero sino alla finale notte di gala hollywoodiana, …senza tuttavia vedersi aggiudicata, in estrema conclusione, l’ambita statuetta.

RICORDI I MURI? (evento singolo speciale il 27 maggio 2019): Il mondo della Storia e quello delle Arti vedono realizzarsi nell’anno 2019 un incrocio particolare di celebrazioni: il 40° anniversario dall’uscita di “The Wall”, il monumentale concept-album realizzato dal gruppo rock celeberrimo dei Pink Floyd, più il 30° anniversario dall’annuncio che la Repubblica Democratica Tedesca avrebbe riaperto le frontiere verso ovest, con conseguente crollo del Muro di Berlino. Due fatti avvenuti indipendentemente l’uno dall’altro, ognuno secondo proprie logiche, ma che portavano entrambi al centro di sé l’idea di un «muro» da abbattere e che finirono per trovare una sintesi simbolica reciproca perfetta e totale nell’estate del 1990: quando la Berlino capitale della nuova Germania unificata ospitò – con allestimenti e numeri da record – il concerto direttamente tratto dal disco della band britannica. Un successo epocale, di cui si rivivrà il clima tramite la registrazione video dal vivo pubblicata come “Roger Waters The Wall – Live in Berlin 1990”.

Ricordiamo che l’ingresso a tutti gli appuntamenti è rivolto ai Soci iscritti e tesserati per l’anno solare corrente (quota associativa valevole come abbonamento sino al successivo 31 dicembre: 7,00 EUR. Operazioni di segreteria effettuabili direttamente in loco negli immediati pre-serata)”.

(Visited 20 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.