Aria fritta, quelli che sui socialsentenziano di averne le palle piene dei social

Aria fritta, quelli che sui socialsentenziano di averne le palle piene dei social

Non ce ne veniamo fuori !

Non ne verremo mai a capo !

 

Ogni mattina apro i social e leggo i miei 4/5 filosofi locali che mi dicono quanto ne hanno piene le palline di quelli che scrivono sui social, pensando di sapere tutto di tutti quelli che scrivono sui social.

 

Poi anch’io mi metto a scrivere sui social sentenziando di filosofia, di politica e di sport, sapendo che arriveranno poi i primi commenti accompagnati dai soliti “mi piace” o dalle faccine sorridenti, piangenti e ringhianti di ultima invenzione.

 

Facebook è un bel passatempo ma è anche una gran rottura di coglioni.

Ognuno dice la sua nel tentativo di convincere gli altri sulle proprie idee.

Gli altri intanto se ne fregano e continueranno a pensarla alla loro maniera.

 

A volte mi arrivano richieste di amicizia di persone che vedo tutti i giorni, ma che mai mi rivolgono la parola.

Conosco alcuni latin lover che vorrebbero conoscere la tipa, seduta al bancone due sgabelli più in là, e prima la cercano su Facebook, poi le mandano la richiesta d’amicizia ed infine vanno a casa tutti contenti ed eccitati.

 

Non ce la facciamo !

Sarebbe ora di piantarla lì !

 

Propongo come esperimento sociale la chiusura per sei mesi di tutti i social.

Che magari poi ci rimettiamo a parlare, a sorriderci e a baciarci.

 

 

Hunter Viniskia

(Visited 134 times, 39 visits today)