Così, il raffinato Monsieur Antonio Bozzo ha raccontato il suo matrimonio con la splendida Madame Roberta Schira

Così, il raffinato Monsieur Antonio Bozzo ha raccontato il suo matrimonio con la splendida Madame Roberta Schira

Qualcuno potrà dire: ma non vi stancate mai di festeggiare? No, non ci stanchiamo. La forza propulsiva del matrimonio (celebrato il 24 settembre scorso a Santa Margherita Ligure, nella splendida Villa Durazzo, seguito da cena per familiari, parenti e amici del primo cerchio alla Langosteria Paraggi) continua a spingerci verso altre feste. Roberta Schira, poi, è un’abile regista di eventi. Sopporta i miei malumori (“verrà qualcuno?”, “sicura che tutto andrà come un orologio?”, “ma chi ce lo fa fare!?”) e tira avanti con il sorriso: io, rimandista oblomoviano, ho sposato una decisionista. Per fortuna. Non ci sarebbe mai stata una festa come quella di ieri sera, da Presso, in via Paolo Sarpi a Milano. Eravamo in 150 (circa), un “casino ben organizzato” ha detto qualche ospite. Con il meglio della cucina italiana, e non solo vista la nostra passione per l’asian style, e grandi etichette di vini (cito Ferrari, Pommery, Berlucchi, Villa Parens, Brisotto, Angela Velenosi, Maeli, Cantina Taverna), birre (Angelo Poretti e Venissa), acqua (ovviamente San Pellegrino, come negli stellati). A officiare il festoso rito di Madame&Monsieur – la nostra sigla professionale -, amici come Carlo Cracco, Claudio Sadler, Anna Maria Mariani, Alberto Gipponi, Cosimo di Cirispaccio e prelibatezze di rinforzo mandate da Wicky Priyan, Claudio Liu, Eugenio Boer, Fusho, Sotto Sotto, Orobianco, Berni. Il capitolo dolci mi ha commosso: due torte, di Pasticceria Martesana e Ernst Knam, i cannoncini e la Gioconda dei fratelli Cerea, i cannoli siciliani di Ammu, la pastiera napoletana di Nicoletta del Peperino, il lingotto allo zafferano di Matteo Bertoli (non un dolce, ma un modo innovativo di usare lo zafferano). Con la certezza di dimenticare qualcuno, chiudo la lista. Ho ancora nelle orecchie le note swing della band Four on Dix (bravissimi) e le canzoni delle Sorelle Marinetti (magnifiche come sempre, grazie al loro manager Giorgio Bozzo). Non ho ballato con Filippo Bertolini e Federica Imbriano, che hanno coinvolto molti ospiti in passi swing: ci saranno altre occasioni! Sto andando troppo lungo, e in Fb non si fa. Era mia intenzione ringraziare tutti gli amici che hanno partecipato. Sì, è stata una bella serata. Grazie “regista” Roberta, e grazie a Marco Mazzilli di Sotto Sotto Enoteca con cucina, che con il suo lavoro e i suoi uomini ha permesso che tutto andasse per il meglio.

(Visited 231 times, 30 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *