Il festival letterario Inchiostro torna il 18 e 19 giugno a Crema 7 autori in 2 giorni per esplorare la migliore narrativa contemporanea

Il festival letterario Inchiostro torna il 18 e 19 giugno a Crema 7 autori in 2 giorni per esplorare la migliore narrativa contemporanea

Apre la stagione estiva 2021 il festival letterario Inchiostro, evento voluto e sostenuto dall’Assessorato alla cultura, in programma il venerdì 18 e sabato 19 giugno negli spazi del complesso museale S. Agostino.

Dopo due splendide edizioni che hanno immerso Crema nel fascino della letteratura e hanno animato il Sant’Agostino con una fiera della piccola editoria e incontri non stop dalla mattina alla sera con autori, editori, blogger, esperti del settore e giornalisti, dopo la serata di Pillole di Inchiostro realizzata lo scorso anno, il festival Inchiostro torna di scena per una due giorni di qualità, con incontri letterari che esplorano la narrativa contemporanea.

 

Inchiostro, è un progetto dell’Amministrazione Comunale di Crema ideato e diretto da Lorenzo Sartori, e rappresenta uno dei fiori all’occhiello della cultura cittadina.

L’edizione 2021, a causa della situazione pandemica, avverrà ancora in forma ridotta e propone tre aperitivi letterari nella splendida sala affrescata da Pietro da Cemmo e due serate sotto il cielo stellato, a CremArena. 7 autori in 2 giorni per esplorare la narrativa di genere e non con scrittori apprezzati a livello nazionale e internazionale come Massimo Carlotto, Sara Rattaro e Marco Balzano, esordienti di classe come Martina Merletti, nuove voci del thriller come Livia Sambrotta, Claudia Maria Bertola e Paolo Panzacchi.

 

 

Purtroppo, afferma l’Assessore alla cultura Emanuela Nichetti, il Festival Inchiostro non potrà ancora svolgersi secondo le modalità che ne hanno decretato il grande successo delle edizioni 2018 e 2019.

Le “Pillole di Inchiostro” del 2020 e la due giorni di appuntamenti organizzati quest’anno per scrittori, editori e lettori vogliono comunque essere un preciso e importante segno per affermare, pur nelle difficoltà legate alla pandemia, che il valore della Cultura nella nostra società è centrale e irrinunciabile.

Scriveva Tiziano Terzani che i libri sono “i migliori compagni di viaggio” perché “parlano quando si ha bisogno, tacciono quando si vuole silenzio. Fanno compagnia senza essere invadenti. Danno moltissimo, senza chiedere nulla.”

Per noi lettori si sono rivelati anche i migliori compagni di questo lungo periodo in cui abbiamo dovuto “viaggiare da fermi”, chiusi nelle nostre case e con la vita sociale ridotta al lumicino. Per questo incontrarne di nuovi dal vivo a Inchiostro sarà un piacere misto a gratitudine!”.

 

Ad aprire le danze, venerdì 18 giugno alle ore 18, in compagnia del direttore artistico Lorenzo Sartori, saranno due nuove voci del thriller italiano: Livia Sambrotta, con Non salvarmi (SEM), ambientato in una comunità di recupero per i figli delle star di Hollywood, e Claudia Maria Bertola, con Vieni come sei (Morellini), ambientato nelle ville signorili della Milano bene dove proseguono le indagini della sua detective per caso Marina Novembre. In serata, dalle ore 21 presso CremArena doppio appuntamento con Sara Rattaro che, condotta da Barbara Donarini, presenta il suo ultimo romanzo Una vita semplice (Sperling&Kupfer), la storia di Cristina che viene presa in ostaggio nel corso di una rapina in un negozio e questo fatto la spinge in maniera estrema a guardare dentro di sé e capire quello che conta davvero. A seguire Marco Balzano, condotto da Alessandra Facchi, dopo il successo internazionale di Resto qui, l’autore presenta l’ultimo romanzo, Quando tornerò (Einaudi), storia potente dedicata alla forza dei legami e alle conseguenze delle nostre scelte.

 

Sabato 19 giugno gli aperitivi letterari raddoppiano e Inchiostro apre la sua seconda giornata alle ore 17.00 in Sala Pietro da Cemmo con un duo d’eccezione: Paolo Panzacchi e Lillo Garlisi condotti da Elisa Biffi Corni. Panzacchi è l’autore del thriller Dove nasce l’odio (Laurana), un romanzo attraversato da intrighi internazionali, politica, terrorismo e famiglie disposte a tutto, Garlisi è il suo editore e racconterà tutta un’altra storia, quella di chi ama pubblicare libri che sanno far luce sulla realtà. A seguire Inchiostro ospita Marina Merletti, condotta da Marco Viviani, per presentare la sua opera prima Ciò che nel silenzio non tace (Einaudi), una storia che dal 1999 percorre il tempo a ritroso fino a quel 1944 quando una suora salva un neonato ebreo nascondendolo nel cesto della biancheria sporca. A chiudere il festival, alle ore 21 in CremArena, sarà un vero maestro del noir, Massimo Carlotto, condotto da Paolo Panzacchi e Lorenzo Sartori, per presentare il suo nuovo romanzo E verrà un altro inverno (Rizzoli), una vicenda che si spinge nella provincia del nord-est, tra le pieghe di un piccolo mondo di imprenditori, una coppia solo all’apparenza felice e un paesino con troppi segreti da seppellire.

 

Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito e libero fino a esaurimento posti e si svolgono nel pieno rispetto delle norme anti-covid. I posti sono distanziati, fissi e assegnati all’ingresso (84 nella Sala Pietro da Cemmo e circa 200-240 a CremArena). Si può assistere agli eventi solo seduti al proprio posto dopo avere ritirato il proprio biglietto segnaposto. Non è prevista la prenotazione e si consiglia di presentarsi in piazzetta Terni de Gregory con un buon anticipo per espletare tutte le procedure di ingresso.

È obbligatorio l’uso della mascherina e il mantenimento del distanziamento interpersonale.

 

Info

festivalinchiostro.it

culturacrema.it

 

 

IL CALENDARIO DI INCHIOSTRO

 

VENERDÌ 18 GIUGNO

 

Ore 18.00 (Sala Pietro da Cemmo)
Apertura. A seguire

Nuove voci del thriller italiano
Livia Sambrotta e Claudia Maria Bertola

Conduce Lorenzo Sartori

 

Ore 21.00 (CremArena)
Ciò che ci rende felici

Sara Rattaro

Conduce Barbara Donarini

 

Ore 22.00 (CremArena)
Le conseguenze delle nostre scelte

Marco Balzano

Conduce Alessandra Facchi

 

SABATO 19 GIUGNO

 

Ore 17.00 (Sala Pietro da Cemmo)

Attenti a quei due
Paolo Panzacchi e Lillo Garlisi

Conduce Elisa Biffi Corni

 

Ore 18.00 (Sala Pietro da Cemmo)
Un passato che non tace

Martina Merletti

Conduce Marco Viviani

 

Ore 21.00 (CremArena)

Segreti di provincia
Massimo Carlotto

Conducono Paolo Panzacchi e Lorenzo Sartori

 

 

LE BIOGRAFIE DEGLI OSPITI

 

Livia Sambrotta pubblica nel 2015 il primo romanzo noir Amazing Grace, seguito due anni dopo da Tango Down, che è stato selezionato tra i finalisti al Festival Giallo al Centro Rieti e ha ricevuto la Menzione Speciale al Festival Garfagnana in Giallo. Attualmente lavora a Milano per la società internazionale UCI Cinemas come coordinatore della promozione per il sud dell’Europa. Nel 2021 pubblica per SEM il thriller Non salvarmi, finalista al Premio Selezione Bancarella.

Claudia Maria Bertola vive e lavora a Milano come personal trainer, art director e copywriter freelance. Esordisce nel 2019 con il thriller Vernice Nera (Morellini) ottenendo subito un importante consenso di pubblico e critica grazie al personaggio di Marina Novembre. A Inchiostro presenta, fresco di stampa, il nuovo capitolo della serie dal titolo Vieni come sei.

Sara Rattaro è autrice numerosi romanzi, tutti accolti con grande successo da librai, lettori e critica, e tradotti in nove lingue. Tra le sue opere più importanti ricordiamo Non volare via (Premio Città di Rieti 2014), Niente è come te (Premio Bancarella 2015), Splendi più che puoi (Premio Rapallo Carige 2016 e premio Fenice Europa 2017), La giusta distanza.

Marco Balzano è nato a Milano nel 1978. Con Sellerio ha pubblicato i romanzi: Il figlio del figlio (Premio Corrado Alvaro Opera prima), Pronti a tutte le partenze (Premio Flaiano) e L’ultimo arrivato (Premio Campiello). Per Einaudi ha pubblicato Resto qui (2018 e 2020) che ha vinto, tra gli altri, il Premio letterario Elba, il Premio Bagutta, il Premio Mario Rigoni Stern ed è arrivato secondo al Premio Strega; in Francia ha conseguito il Prix Méditerranée, mentre in Germania ha scalato rapidamente la classifica dei libri piú venduti. Per Einaudi ha inoltre pubblicato Le parole sono importanti (2019) e Quando tornerò (2021). I suoi libri sono tradotti in molti Paesi.

Paolo Panzacchi ha esordito nel 2015 con il romanzo L’ultima intervista, vincitore del Premio della Critica al Premio Internazionale Città di Cattolica. Nel 2018 pubblica Drammi quotidiani (Pendragon) e per la collana Calibro 9 di Laurana Editore il thriller Il pranzo della domenica, che ruota attorno a una famiglia dell’alta borghesia bolognese. A Inchiostro presenta il nuovo thriller Dove nasce l’odio.

 

Lillo Garlisi, siciliano di nascita e milanese di adozione, si laurea alla Bocconi nel 1986. Dopo quindici anni in Ipsoa Editore (ora Wolters Kluwers Italia), nella quale ricopre il ruolo di dirigente, nel 2001 lascia l’azienda e decide di far nascere una nuova realtà: Novecento Media. Il progetto cresce dando vita al marchio Laurana Editore, che si occupa in prevalenza di narrativa. È stato co-fondatore e amministratore delegato di Melampo editore. Nel 2019 ha dato vita a Zolfo, innovativo marchio che si propone di raccontare “storie”, senza conformismi e rinunciando ai luoghi comuni.

 

 

 

Martina Merletti

Laureata in Scienze e Tecnologie Agrarie, diplomata alla scuola Holden, dal 2020 fa parte della redazione di “Raccontiamo la storia, raccontiamola tutta”. È co-autrice del volume Narrare. Viaggi nell’epica e nel teatro del progetto antologico per la scuola secondaria superiore La seconda luna, edita da Zanichelli. Nel 2018, per la scuola Holden, ha ideato e tenuto il corso di scrittura “Raccogliere la realtà”. Ciò che nel silenzio non tace è il suo primo romanzo.

 

Massimo Carlotto (Padova, 1956), è tra gli scrittori italiani uno di quelli che con maggiore consapevolezza ha usato il noir come genere capace di raccontare le trasformazioni, anche nascoste, della società. Scoperto da Grazia Cherchi, ha pubblicato il primo libro nel 1995 (Il fuggiasco, edizioni e/o). Per la stessa casa editrice ha scritto: Arrivederci amore, ciao (secondo posto al Gran Premio della Letteratura Poliziesca in Francia 2003, finalista all’Edgar Allan Poe Award nella versione inglese nel 2006), La verità dell’Alligatore, Il mistero di Mangiabarche, Le irregolari, Nessuna cortesia all’uscita (Premio Dessì 1999), Il corriere colombiano, Il maestro di nodi (Premio Scerbanenco 2003), Niente, più niente al mondo (Premio Girulà 2008), L’oscura immensità della morte, Nordest con Marco Videtta (Premio Selezione Bancarella 2006), La terra della mia anima (Premio Grinzane Noir 2007), Cristiani di Allah, Perdas de Fogu con i Mama Sabot (Premio Noir Ecologista Jean-Claude Izzo 2009), L’amore del bandito, Alla fine di un giorno noioso, Il mondo non mi deve nulla, la fiaba La via del pepe con le illustrazioni di Alessandro Sanna, La banda degli amanti, Per tutto l’oro del mondo, Blues per cuori fuorilegge e vecchie puttane e La signora del martedì.

I suoi libri sono tradotti in molte lingue e ha vinto numerosi premi sia in Italia che all’estero. Massimo Carlotto è anche autore teatrale, sceneggiatore e collabora con quotidiani, riviste e musicisti.

A Inchiostro presenta il suo ultimo romanzo E verrà un altro inverno (Rizzoli 2021).

 

 

(Visited 9 times, 9 visits today)