Il posto da favola che ospita tesori, alla Pedrera è tempo delle opere di Michela Baldi

Il posto da favola che ospita tesori, alla Pedrera è tempo delle opere di Michela Baldi

Michela Baldi è anche, se non soprattutto, un’artista intimistica che, partendo da lei, dalle cose che la circondano, ecco crea opere d’arte in grado di far viaggiare il cuore e la mente, di portarci oltre le apparenze che beh, nulla è in fondo come sembra. Chapeau a lei quindi e alle sue Invisibili cose, ospitate fino alla metà di giugno in quel posto da favola, grazie alla selezionatrice – curatrice – artista – fotografa Mara Gualina che appunto organizza i vari appuntamenti artistici periodicamente, ospita tesori.

Ah che bel posticino è La Pedrera Restaurant, ristorante d’avanguardia, inserito nei boschi che accompagnano il fiume Oglio nel suo scorrere ora tumultuoso, ora placido, nelle terre soncinesi che profumano di storia, arte, cultura, passione, magia, mistero, esoterismo e intrighi.

Da quelle parti, se in sala il tesoro di questo tempo è quindi rappresentato dagli spunti artistici dell’eclettica Michela, scelti da Mara, dietro ai fornelli sperimenta, studia, si diverte, sogna, si emoziona, a sua volta emozionando, Luca Zuterni, colui il quale, coraggiosamente, cucinando sa osare e, soprattutto, riesce a incantare con piatti complessi, con moderne contaminazioni gastronomiche tese, senza perdere di vista il passato e il presente, al domani. Chapeau a La Pedrera Restaurant dunque, bel posto tutto da godere, soprattutto adesso che fa estate e … la terrazza, così estiva e caratteristica, spacca.

Stefano Mauri

(Visited 25 times, 3 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *