Impianti sportivi: criticità in 3 su 17

Impianti sportivi: criticità in 3 su 17

La relazione di sopralluogo finalizzata dalla Commissione Sport a verificare lo stato dei luoghi presso gli impianti sportivi di proprietà del Comune di Crema ha evidenziato alcune criticità, ma anche riconosciuto la qualità di diversi impianti, ritenendo comunque sufficienti o discrete le condizioni di 14 dei 17 impianti considerati. Appare dunque fuori luogo definire “bocciati” gli impianti di Crema come pretenderebbe una titolazione giornalistica apparsa di recente.

La relazione ha in realtà una datazione tale – estate/autunno 2018 – per cui alcune criticità non persistono più negli impianti, mentre altre sono sotto osservazione da parte dell’Ufficio Sport e dell’Ufficio tecnico e vi si porrà mano con un programma di lavori.

È importante precisare che non è compito della Commissione esprimere giudizi sulla fruibilità complessiva degli impianti sportivi: la relazione si è occupata soltanto lo stato di manutenzione e pulizia.

“Ci sono situazioni da sistemare”, commenta il consigliere allo Sport, Walter Della Frera, “e ho già iniziato un giro di sopralluoghi per confrontare i dati della relazione con la situazione attuale. Considero comunque all’altezza i nostri impianti, molto frequentati, come peraltro suggerito anche dalle prime valutazioni emerse, ancorché non ancora ufficiali, dal censimento del CONI, che ha attestato un positivo posizionamento della nostra realtà””.

Il sopralluogo della commissione ha prodotto uno strumento utile, questo il giudizio del sindaco, Stefania Bonaldi, che ricorda tuttavia che quando si aderì al progetto “Crema città europea dello sport” venne valutato da una commissione terza, che opera verifiche su scala internazionale, tutto il patrimonio impiantistico della città prima di accettare la candidatura di Crema. “In tre anni le cose non possono certo essere cambiate radicalmente. C’è sempre da migliorare, naturalmente, e provvederemo; abbiamo già inviato la scorsa settimana il documento all’Ufficio Tecnico, chiedendo di operare puntuale valutazione, anche e soprattutto in relazione a chi deve occuparsi della pulizia degli impianti, oltre che della manutenzione”.

Le parole di Della Frera: “Ringrazio la Commissione Sport che su mia sollecitazione ha preparato la relazione sullo stato degli impianti sportivi. Il suo compito doveva essere segnalare le criticità e le migliorie da effettuarsi per rendere più fruibili gli impianti dato che eravamo consci del fatto che ci fossero situazioni “da sistemare”. Non era certamente suo intendimento esprimere giudizi su tutto l’impianto né bocciare. Vedasi alcune segnalazioni di migliorie su impianti tenuti nel complesso molto bene. Come programmato con la stessa Commissione ho già iniziato un giro di sopralluoghi per confrontare i dati della relazione con la situazione attuale per poter intervenire su quanto segnalato.
Sono in pieno disaccordo con chi considera “bocciati” i nostri impianti che considero comunque all’altezza, come risulterebbe da valutazioni non ancora ufficiali del censimento del CONI che considera la nostra impiantistica molto buona e ben mantenuta, oltre che molto frequentata”.

(Visited 22 times, 8 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *